Indietro
menu
l'azienda: "nessun pericolo"

Segnalazioni di odori sospetti, scattano i controlli alla Petroltecnica

In foto: i vigili del fuoco con il 118 e i Forestali nel piazzale dell'impianto @foto Migliorini
di Lamberto Abbati   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
mar 6 ott 2020 11:53 ~ ultimo agg. 20:14
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Questa mattina, intorno alle 10, sono arrivate ai carabinieri Forestali diverse segnalazioni di odori definiti “intensi e sgradevoli” provenire dall’impianto di Petroltecnica-Rovereta a Cerasolo. A dare l’allarme sono stati alcuni residenti della zona, come già accaduto in passato. Immediati sono scattati i controlli da parte dei militari dell’Arma, dei vigili del fuoco con il nucleo NBCR (Nucleare, Biologico, Chimico, Radiologico) e di Arpae. Sul posto anche i sanitari del 118. I carabinieri sono entrati nell’impianto e hanno effettuato un accurato sopralluogo.

Stando alle prime informazioni raccolte, durante lo stoccaggio di alcuni materiali sarebbe avvenuta una reazione chimica che avrebbe prodotto fumi e odori acri, sparsisi nella zona circostante e avvertiti da più residenti. Che, preoccupati, hanno subito dato l’allarme ai carabinieri Forestali e ai vigili del fuoco. Nessuno del personale di Petroltecnica ha avuto bisogno di ricorrere alle cure del 118 e l’allarme intorno alle 12.30 è rientrato. I rilevamenti e i campionamenti effettuati dal personale di Arpae stabiliranno l’eventuale tossicità dei fumi.

Intorno alle 13.30 è la stessa azienda, la Roverata srl, a fare chiarezza su quanto accaduto: “Nella mattinata odierna, durante le operazioni di premiscelazione di materiali derivanti da operazioni di recupero di frazioni oleose – si legge nel comunicato – si è verificata una ossidazione che ha provocato la formazione in atmosfera di vapore acqueo e anidride carbonica, visibili anche all’esterno dell’area, non dannosi per le persone e per l’ambiente. Le polveri visibili sono state causate dall’uso di estinguenti a polvere da noi utilizzati. I vigili del fuoco, arrivati in seguito, hanno approvato la procedura adottata dai nostri operatori intervenuti prontamente per circoscrivere l’area e inibire il proseguimento dell’evento”.

L’azienda precisa che “gli stessi vigili del fuoco hanno preso atto della situazione e tramite apparecchiature portatili hanno escluso la presenza di sostanze pericolose per l’ambiente e per le persone e hanno verificato la presenza di CO2 e nessun rischio chimico, come già appurato in precedenza dal nostro personale. E’ inoltre arrivata sul posto una unità mobile di soccorso, a titolo puramente cautelativo, senza che vi sia stata alcuna necessità del suo intervento. Anche Arpae sta svolgendo i propri rilievi sull’area in modo autonomo e parallelo”.

Rovereta fa sapere infine che “ha immediatamente dato incarico ad un laboratorio certificato di verificare le emissioni odorigene. Tali risultati arriveranno entro un paio di giorni. La società Rovereta si rende disponibile a fornire tutte le informazioni eventualmente richieste dalle pubbliche autorità”.