Indietro
menu
gli esiti dei rilevamenti

Odori dalla Petroltecnica, l'Arpae chiarisce: "Tutto nella norma"

In foto: i vigili del fuoco davanti all'impianto @foto Migliorini
di Lamberto Abbati   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
mar 6 ott 2020 19:31 ~ ultimo agg. 7 ott 11:56
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Dopo la segnalazione di alcuni residenti circa odori sospetti provenienti dall’azienda Petroltecnica-Rovereta di Cerasolo (vedi notizia), sono arrivati gli esiti dei rilevamenti di Arpae, che certificano come “non è emerso alcun dato fuori norma”.

“Nell’azienda che si occupa del trattamento di rifiuti speciali – spiega Arpaequesta mattina si era sviluppato un principio di combustione, subito soffocato dagli operatori della Petroltecnica stessa, mediante estintori a polvere e CO2 che, nella loro normale funzione, hanno sviluppato fumi biancastri. I nostri tecnici, allertati anche dai vigili del fuoco, sono intervenuti dopo aver ricevuto diverse segnalazioni da parte di residenti della zona che descrivevano la presenza di fumi acri e particolarmente irritanti per le vie respiratorie. Sulla base delle dichiarazioni dei cittadini, Arpae ha attivato anche il personale sanitario del 118 ed è intervenuta sul posto, dove erano già presenti anche vigili del fuoco, carabinieri Forestali, polizia Locale e un’ambulanza del 118″.

I tecnici Arpae hanno effettuato rilevazioni in 5 punti all’interno dell’azienda, monitorando una serie di inquinanti: nitrati (NOx), solfati (SOx), ossigeno (O2), monossido di carbonio (CO), sostanze organiche volatili (SOV) e sostanze inorganiche (acido cloridrico, cloro libero, acido solforico, ammoniaca). “Per tutti gli inquinanti monitorati – chiarisce l’Agenzia per l’ambiente – non si sono rilevati scostamenti rispetto alla normale composizione presente in ambiente urbano. Al di fuori dell’area dell’azienda non si avvertivano, invece, odori significativi”.

Notizie correlate
di Redazione   
di Lamberto Abbati   
di Redazione   
FOTO