Indietro
menu
L'analisi dei dati

In Regione occupato il 16% delle terapie intensive. Oggi positivo il 6% dei tamponi

In foto: repertorio
di Maurizio Ceccarini   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
mar 27 ott 2020 17:28 ~ ultimo agg. 28 ott 13:26
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Nell’analisi che prende in esame gli intervalli di cinque giorni in cinque giorni dall’inizio epidemia, quello tra il 23 e il 27 ottobre ha registrato 5.813 positività, superando di gran lunga il precedente picco del 22-26 marzo, con 4.111 casi. Ma si tratta di dati non paragonabili, come ormai decisamente noto, per diversi motivi a partire dal numero dei tamponi, oggi quintuplicato rispetto a quel periodo. E ben diverse sono anche le caratteristiche dei positivi: a marzo sintomatici per il 97%, a ottobre per il 54% (dopo essere scesi al 30% a giugno). Nell’ultima settimana si registra tra l’altro un recupero, per quanto lieve, della percentuale di asintomatici.

La percentuale di positivi sul totale dei test effettuati, che a inizio marzo sfiorava il 28%, dopo essere piombata allo 0,3% di metà giugno, tra il 20 e il 26 ottobre è stata del 6,2%.

E, a oggi, ben diversi sono gli effetti sugli ospedali per quanto il trend di aumento dei ricoveri debba far tenere alta l’attenzione: oggi i 103 ricoverati in terapia intensiva in Regione occupano il 15,8% dei circa 650 posti negli ospedali regionali, e altri posti sono in allestimento.

L’età media dei nuovi casi degli ultimi 30 giorni è di 43,5 anni. Le tre fasce di età principalmente coinvolte hanno una differenza minima tra di loro: 40-49 anni, 50-59 anni e 20-29 anni. In comprensibile crescita, con la riapertura delle scuole, anche le fasce degli under 19.

Tra le singole province, l’impennata più forte a livello di curva l’ha avuta Bologna. Dei 4.759 decessi in Regione da inizio epidemia, il 57% riguarda uomini.

Infografiche e analisi sull’andamento della pandemia in Emilia-Romagna sono consultabili on line attraverso il report periodico disponibile a questo link: https://bit.ly/35Dr4Nh

 

 
Notizie correlate
di Simona Mulazzani