Indietro
menu
E i piatti triscomparto

In distribuzione le mascherine trasparenti per aiutare studenti con difficoltà uditive

In foto: le mascherine
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
ven 2 ott 2020 15:03 ~ ultimo agg. 15:09
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Il Comune di Rimini ha già cominciato a distribuire nelle scuole le mascherine trasparenti per aiutare gli studenti con difficoltà uditive nel rapporto con i loro educatori.  Si  tratta di circa il 5% gli alunni con difficoltà certificate. Se l’insegnante o l’educatore – come previsto dalle normative di contrasto al Covid, tengono coperte necessariamente naso e bocca, precludono a questi alunni la possibilità di avvalersi della lettura del labiale per comprendere i messaggi di docenti e alunni. Con queste protezioni maestre ed educatori mettono gli alunni nella condizione di poter ricevere l’istruzione  nelle idonee condizioni di ascolto supportate dalla lettura labiale.

le mascherine saranno distribuite nelle materne e scuole d’infanzia pubbliche (per gli altri ordini e gradi scolastici dovranno provvedere direttamente i rispettivi responsabili).

Negli uffici dei servizi educativi sono arrivati questa mattina anche i nuovi piatti triscomparto in porcellana per le mense scolastiche. Si tratta di piatti che saranno distribuiti già da oggi e che permetteranno agli alunni di mangiare in classe con un unico piatto multi portata in grado di coniugare qualità alimentare e profilassi sanitaria.

“Non sarà una mascherina – sottolinea Mattia Morolli, assessore ai servizi educativi del Comune di Rimini – a risolvere tutti i problemi, ma il sostegno che diamo oggi agli studenti con difficoltà uditive è un passo importante, perché entra nel vissuto quotidiano di questi ragazzi e le loro famiglie. Insieme ai nuovi piatti triscomparto sono strumenti in più che fanno parte dei diversi servizi di diritto allo studio con cui il Comune di Rimini sostiene quotidianamente scuole, famiglie e ragazzi”.

 

 

Notizie correlate
di Simona Mulazzani   
VIDEO
di Redazione