Indietro
menu
Normalità ancora lontana

Il senatore Barboni: dal Governo ancora nessuna risposta per gli aeroporti

In foto: repertorio
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
sab 24 ott 2020 08:09 ~ ultimo agg. 08:18
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

“La pandemia causata dal Covid-19 sta mettendo in grande difficoltà l’intero sistema aeroportuale nazionale, con migliaia di posti di lavoro a rischio. In questi giorni i vertici di quasi tutte le società aeroportuali italiane stanno lanciando un forte grido d’allarme, anche attraverso proposte come quella di Assoaeroporti per la creazione di un Fondo ad hoc, affinché venga presa in seria considerazione una situazione non più sostenibile”. Lo ricorda il senatore riminese Antonio Barboni, membro dell’VIII Commissione lavori pubblici e trasporti, che intende continuare a sostenere la battaglia del sistema aeroportuale.

“L’emergenza da Coronavirus ha prodotto perdite economiche ingenti causate da un elevato calo del traffico dei passeggeri, per cui è previsto un ritorno alla normalità solo tra il 2023 e il 2025. Basti pensare che gli aeroporti devono restare aperti, senza traffico, con costi fissi alti e con un importante taglio degli investimenti per far fronte all’emergenza. Serve un intervento urgente da parte del governo affinché vengano varate misure a sostegno degli aeroporti – dichiara il senatore Barboni – sinora vi è stata una scarsa attenzione da parte della maggioranza, considerando che nel Piano del Recovery Fund di aeroporti se ne parla solo per investimenti futuri e sull’adeguamento del sistema infrastrutturale degli aeroporti italiani al resto del mercato internazionale, in ogni caso non secondario come aspetto, ma in questo momento non può essere prioritario”.

Continua Barboni: “In Parlamento mi impegnerò ad affrontare questa battaglia a difesa dell’intera filiera lavorativa ovvero i vettori, i gestori aeroportuali, il settore dell’handling, il catering, l’indotto, i lavoratori a tempo indeterminato e quelli stagionali vengano salvaguardati, soprattutto perché alla fine di questa emergenza, che si spera possa giungere presto, l’intero sistema aeroportuale sarà fondamentale per il rilancio del turismo italiano”.

Notizie correlate
Incontri del Mediterraneo

Il Mediterraneo dei diritti negati

di Stefano Rossini   
di Stefano Rossini