Indietro
mercoledì 21 ottobre 2020
menu
antidoping

Il NADO di San Marino è il primo al mondo ad avere i propri DCO accreditati a livello internazionale

di Icaro Sport   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
mar 13 ott 2020 15:51
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Un primato di rilievo per il NADO San Marino. Il dottor Claudio Muccioli e la dottoressa Eleonora Marchi hanno ottenuto di recente la prestigiosa certificazione di Doping Control Officer (D.C.O.) a livello internazionale.
Dopo un lungo percorso di formazione online entrambi i DCO sammarinesi hanno superato il test finale, sostenuto in presenza a Losanna presso la sede dell’International Testing Agency (I.T.A.).
Con l’acquisizione della nuova certificazione di International DCO, il NADO di San Marino si pone in una posizione di prestigio riconosciuta a livello internazionale.

Nel discorso di consegna degli attestati, il responsabile dell’I.T.A. ha infatti sottolineato come “Il NADO di San Marino è sia primo NADO al mondo che può vantare di avere i propri addetti per i controlli antidoping con la qualifica di International DCO”.
Questa importante certificazione è alla base dell’armonizzazione dei test di controllo sugli atleti in tutto il mondo, fornendo al tempo stesso un’alta qualità del servizio.
Lo scopo del primo corso organizzato dall’I.T.A. è proprio quello di garantire che tutti gli atleti ricevano la stessa qualità nei controlli antidoping ovunque questi vengano effettuati.

Questo riconoscimento vuole essere di stimolo a tutto il movimento antidoping con l’obiettivo di avere DCO e Chaperone sempre più preparati ed in grado di garantire professionalità e sicurezza agli atleti testati.
Questo riconoscimento – commenta il dottor Claudio Muccioli, Presidente del NADO San Marino – vuole essere solo il primo passo per garantire la massima sicurezza e qualità durante i controlli. Il prossimo obiettivo è trasferire le competenze acquisite ad altri componenti che fanno parte dello staff in modo di avere una propria organizzazione in grado di poter rispondere in maniera efficiente alle future sfide nella lotta al doping. Nei prossimi mesi saranno organizzati specifici corsi di formazione interni per l’accreditamento di nuovi DCO e Chaperone”.

Notizie correlate
di Redazione   
FOTO
di Redazione