Indietro
giovedì 22 ottobre 2020
menu
Nazionale di San Marino

Varrella e Simoncini alzano la guarda: "Con Gibilterra determinante l'approccio"

In foto: Un momento della conferenza stampa (foto ©FSGC)
di Roberto Bonfantini   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
ven 4 set 2020 18:07 ~ ultimo agg. 18:09
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Finalmente la Nazionale di San Marino torna ad assaporare l’eccitazione del pre-partita, dopo mesi di inattività forzata ed un mese di preparazione alla doppia sfida con Gibilterra e Liechtenstein di UEFA Nations League. Domani l’inedito confronto con la selezione di lingua spagnola e amministrazione britannica.

Nel tardo pomeriggio di oggi l’allenamento ufficiale, utile a sciogliere gli ultimi dubbi di formazione di Franco Varrella circa l’importante appuntamento giunto ormai alle porte. Insieme al Commissario Tecnico, in conferenza stampa anche capitan Davide Simoncini, in perfetta sintonia col proprio allenatore circa l’importanza di approcciare mentalmente la partita con Gibilterra nella stessa maniera in cui i Titani avrebbero preparato una sfida a Belgio: “Quello che ci attende domani – esordisce il capitano – sarà un incontro diverso, seppur tra virgolette. A mio avviso tutte le partite a livello internazionale, specie per una realtà qual è la nostra, sono estremamente difficili. Seppur andremo ad affrontare un avversario che – Ranking UEFA alla mano – è più vicino alle nostre possibilità, dovremo profondere il massimo sforzo in campo, garantendo lo stesso livello di attenzione e concentrazione che metteremmo in campo contro formazioni di primissima fascia. Seppur inferiore rispetto a realtà come Belgio o Francia, anche rispetto a Gibilterra esiste un gap: dovremo fare di tutto per colmarlo e se ci riusciremo, qualsiasi risultato emerga sarà buono in ogni caso”.

Mister Varrella fa eco al proprio capitano, sottolineando come “a parte il Ranking che suggerisce un confronto dai valori più simili, non credo ci sia nulla di diverso dall’affrontare un avversario di caratura superiore. Gibilterra resta una squadra di professionisti e benché non andremo ad affrontare una delle Top 5 d’Europa, quella che ci aspetta sarà una partita difficile. Sarà determinante l’approccio mentale all’incontro e naturalmente vorremmo tentare di perseguire qualcosa di importante; non tanto perché di fronte avremo Gibilterra, quanto perché da un paio d’anni lavoriamo a determinate situazioni di gioco e ci siamo posti l’obiettivo di metterle in pratica. Mi piacerebbe mettere in difficoltà i nostri avversari, giocando anche una decina di metri più alti per sviluppare una filosofia propositiva che ci permetta di creare anche interessanti situazioni d’attacco. Allo stesso tempo non dovremo cadere nel tranello di pensare che l’incontro di domani sia più semplice di altro solo perché Gibilterra potrebbe apparire ‘giocabile’”.

Ufficio Stampa FSGC

Notizie correlate
di Redazione   
FOTO
di Redazione