Indietro
menu
coppia denunciata

Inscenano la truffa dello specchietto e gli spillano 100 euro

di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
mar 29 set 2020 14:22 ~ ultimo agg. 15:48
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Una coppia siciliana, 32 anni lui, 30 lei, sono stati denunciati dai carabinieri di Novafeltria, guidati dal capitano Carmelo Carraffa, con l’accusa di truffa in concorso. La vittima, un 50enne residente a Novafeltria, si era presentato nella caserma di Via Aldo Moro a fine agosto denunciando di aver subito la cosiddetta truffa dello specchietto.

Ai militari ha raccontato che quella mattina mentre stava percorrendo a bordo della sua auto la strada che dall’ospedale civile di Novafeltria porta verso il centro, ha sentito un rumore e notato subito dopo un Fiat Doblò marrone che lo superava chiedendogli di accostare. La vittima si fermava per verificare cosa fosse accaduto e nel mentre, dal Fiat Doblò, scendevano un uomo ed una donna che lo incolpavano di avergli rotto lo specchietto retrovisore, aggredendolo e rimproverandolo di aver proseguito la marcia senza fermarsi.

Il 50enne, dopo aver effettivamente constatato che il loro specchietto retrovisore era rotto, si convinceva di essere stato lui l’autore del danno. I due malviventi a quel punto cambiavano atteggiamento e si mostravano concilianti, pronti a risolvere bonariamente la questione, senza ricorrere alle assicurazioni. I tre si accordavano per un risarcimento di 100 euro e dopo che la vittima consegnava la somma pattuita i due sparivano. Solo a quel punto il malcapitato si è reso conto di essere stato truffato. Corso in caserma per denunciare l’accaduto, il 50enne forniva anche la targa parziale del Doblò.

Le indagini dei militari sono partite proprio da quel particolare, cercando di individuare la targa dell’auto dei truffatori tra le decine di possibili combinazioni. Da una scrematura iniziale e dal confronto con le auto controllate nelle settimane a ridosso dell’evento, una in particolare risultava sospetta, poiché guidata da un uomo residente nel siracusano con precedenti specifici. Ottenute le foto dell’uomo e della sua compagna, i due sono stati riconosciuti dalla vittima. Entrambi hanno all’attivo diversi reati attuati tutti con lo stesso modus operandi. Per i due truffatori è scattata la denuncia alla Procura della Repubblica per truffa in concorso, nonché la richiesta dell’emissione di un divieto di ritorno nel Comune di Novafeltria.

Altre notizie
di Lamberto Abbati
di Lamberto Abbati
VIDEO
di Andrea Polazzi