Indietro
menu
Progetto di inclusione

Inaugurata la nuova stanza di “Villa del Bianco” a Misano

di Silvia Sanchini   
Tempo di lettura lettura: 3 minuti
gio 24 set 2020 11:14 ~ ultimo agg. 30 set 14:57
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 3 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Come preannunciato, l’estate 2020 ha introdotto tante novità a Villa del Bianco attraverso il progetto “Estate in Villa”, un centro estivo che si rivolge a ragazzi e ragazze con disturbo dello spettro autistico.

Nella giornata di giovedì 27 agosto si è svolto un piccolo momento di festa condiviso da educatori, ragazzi e famiglie insieme alle istituzioni per inaugurare la stanza completamente rinnovata grazie all’impegno dei ragazzi che quest’anno frequentano il Centro estivo.

Il nuovo murales realizzato da Luca è un omaggio alla Villa e agli amici che la frequentano, un luogo importante per ragazzi e famiglie da ormai 11 anni.

In mostra anche i disegni realizzati da Luca negli ultimi anni e le fotografie che raccontano le giornate a Villa del Bianco.

Emozionata Serafina Omiccioli, responsabile dell’equipe educativa del progetto “Estate in villa”, ha così accolto i partecipanti all’evento: “Con l’aiuto delle istituzioni e di Bruno, che ha coordinato i lavori, abbiamo ottenuto questo bellissimo risultato. Un lavoro semplice ma vero, e quindi bellissimo, che racconta la vita quotidiana a Villa del Bianco. Grazie a tutti coloro che hanno contribuito alla realizzazione di questo progetto e in particolare a Luca, il nostro artista. Grazie anche ai genitori che ogni anno con fiducia ci affidano i loro ragazzi”.

Aggiunge Erika Zaghini, coordinatrice dell’Area minori e giovani della coop. sociale Il Millepiedi: “Lo stile educativo della nostra cooperativa è quello di valorizzare i talenti, le idee innovative, il potenziale di ciascun ragazzo. E questa iniziativa è un esempio e una testimonianza importante di quello che desideriamo fare”.

Il progetto “Estate in Villa” è sicuramente un progetto di rete: coinvolge la già citata coop. Il Millepiedi di Rimini insieme all’associazione Rimini autismo Odv, al Centro autismo dell’Ausl della Romagna, al Comune di Misano e ai comuni del distretto di Rimini sud.

Spiega Marco Righetti, dell’associazione Rimini autismo: “L’avventura di Villa del Bianco è iniziata molti anni fa, grazie al coraggio di mia moglie Cristina nello scrivere una lettera alle istituzioni affinché qualcosa potesse muoversi per noi e i nostri figli. Siamo così riusciti a mettere intorno allo stesso tavolo tante persone e realtà diverse, questo per noi è stato un grande valore aggiunto. I primi anni sono stati dedicati alla sensibilizzazione, alla realizzazione di eventi. Vogliamo ringraziare di cuore tutte le persone e i donatori che ci sostengono ogni anno e che rendono possibile oltre all’Estate in villa anche i progetti di sollievo durante le vacanze di Natale e di Pasqua”.

Anche Antonella Riccheo, mamma di Luca, in rappresentanza dei genitori e dell’associazione Rimini Autismo ha voluto esprimere il suo ringraziamento: “Luca è stato accolto a Villa del Bianco questa estate anche se il suo progetto di frequenza della Villa era ormai concluso e nonostante il periodo difficile a causa delle normative sanitarie. Gli educatori si sono assunti con generosità questo rischio, e la loro scelta è testimonianza di un legame importante, che non si interrompe. Conosco gli educatori della cooperativa da anni e posso dire che fanno davvero ogni giorno del loro meglio per i nostri figli”.

Settimanalmente l’equipe di Villa del Bianco viene supervisionata da Elisa Curzi, psicologa del Centro autismo dell’Ausl Romagna: “Ogni anno grazie al lavoro meraviglioso di questi educatori specializzati vediamo i ragazzi fare progressi, crescere ed essere più autonomi”, spiega. “Oggi condividere il lavoro fatto questa estate con le famiglie dei ragazzi è un gesto molto importante, perché desideriamo che tutto quello che i ragazzi imparano possa essere poi speso anche in casa, nella loro quotidianità, per dare a tutti soddisfazione e motivazione. Ogni anno puntiamo più in alto, mettendoci in gioco e aspirando a migliorare, insieme ai ragazzi che sono la nostra forza”.

Il Comune di Misano Adriatico, che mette a disposizione gratuitamente gli spazi di Villa del Bianco, ha fortemente creduto nel progetto come sottolinea l’assessore Maria Elena Malpassi, presente all’evento: “Per noi questo progetto è un grande orgoglio, quest’anno in particolare volevamo offrire delle risposte ancora più efficaci alle famiglie che hanno vissuto settimane molto difficili durante il lockdown. Ci tengo a sottolineare che questo servizio è reso possibile grazie alla collaborazione tra la nostra amministrazione comunale e le altre realtà partner, perché si tratta di un progetto distrettuale. La cosa che mi dà maggiore soddisfazione è che qui i ragazzi e le ragazze possono sentirsi veramente a casa”.

Già, una casa: accogliente e sicura. Così è Villa del Bianco, anche in questa estate difficile.

E allora non stupisce che in molti abbiano gli occhi lucidi al termine di questo evento, che sicuramente lascia un segno importante.

Conclude con un sentito ringraziamento Debora Natili, direttrice della coop. sociale Il Millepiedi: “Voglio ringraziare di cuore i ragazzi e le loro famiglie, gli educatori, i comuni coinvolti, la Ausl e tutti i nostri partner e collaboratori. Seguo questo progetto sin dagli esordi e occupa un posto speciale nel mio cuore”.

Anno dopo anno a Villa del Bianco cresce l’appartenenza e l’orgoglio di essere protagonisti di un piccolo grande sogno e segno di inclusione.

Video interviste della giornata a Serafina Omiccioli, Erika Zaghini, Elena Malpassi, Antonella Riccheo, Elisa Curzi. A cura di Silvia Sanchini

Notizie correlate
di Stefano Rossini   
di Cristina Gambini   
FOTO