Indietro
menu
il 2 e il 3 ottobre

In alto i calici per il ritorno nel Borgo di p.assaggi di vino

In foto: i promotori
di Lucia Renati   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
mer 30 set 2020 17:32
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Questo fine settimana 2 e 3 ottobre, al borgo San Giuliano di Rimini, torna p.assaggi di vino. L’edizione 2020 è la diciottesima ed è slittata in autunno a causa del covid. Dalle ore 18 degustazioni di vino, street food e menù take away.

 

Un calice di vino, un piatto da passeggio e musica diffusa. Sarà così l’edizione anticovid di passagi di vino, la manifestazione eno-gastronomica più longeva del territorio, organizzata dalla strada dei vini e dei sapori dei colli di Rimini. Gli avventori gireranno con la loro sacca porta-calice al collo e una cartina in mano per orientarsi tra i vari microeventi e le zone di assaggio sparse per il borgo San Giuliano. 21 cantine, un oleificio, 4 punti vendita calici, un punto vendita food, 15 ristoranti ed esercenti coinvolti nel take away a tema. Un calice costa 15 euro e dà diritto a 4 coupon di assaggio. Nel 2019 sono stati venduti 5.000 calici in un’edizione che ha registrato 40 mila presenze. L’edizione di quest’anno segna la voglia di rinascita, come hanno spiegato i promotori Sandro Santini, Presidente strada dei vini e dei sapori dei colli di Rimini ed Enrica Mancini, Rappresentante ristoratori del borgo. Un’idea fortemente condivisa anche dall’amministrazione comunale presente con l’assessore alle attività economiche Jamil Sadegholvaad.