Indietro
menu
fase due della sanità

Il Direttore sanitario AuslRomagna: "eravamo impreparati, ma non è ancora finita"

In foto: Il Direttore sanitario Ausl Romagna Mattia Altini ai microfoni di Icarotv
di Lucia Renati   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
mar 15 set 2020 14:43 ~ ultimo agg. 16 set 13:48
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Nella prima conferenza stampa post pandemia indetta dall’AUSL, per la prima volta oggi nella sede amministrativa di via Coriano a Rimini, il Direttore sanitario dottor Mattia Altini, ha incontrato la stampa in occasione della presentazione del nuovo primario di Medicina Trasfusionale di Rimini, la Dottoressa Annalisa Gabriele. Doveva esserci anche il Direttore generale Tiziano Carradori, che invece non era presente.

Il dottor Altini ha raccontato ai microfoni di radio Icaro e Icaro tv i giorni della pandemia e spiegato come si sta affrontando questa fase due. Tutto è cambiato in sanità nel modello organizzativo post-pandemia. Nella nuova sanità pubblica la parola d’ordine è “futuro”, un ospedale senza muri che sappia curare i pazienti in Digital Health e sappia creare un’assistenza efficace anche fuori dalle strutture, senza dover ricorrere ai ricoveri.

“Dobbiamo erogare servizi di qualità a tutti i nostri servizi, a livello romagnolo, in modo equo su tutti i territori ed appropriati. Abbiamo a disposizione una rete di servizi, che va dai medici di famiglia, alle case della salute, al ruolo del volontariato… e che devono essere sfruttati al massimo”. Altro aspetto fondamentale, “la digitalizzazione della sanità, per dare servizi il più possibile vicini al cittadino, e che ci aiuterà anche in questo processo di apertura della sanità. Inoltre, stiamo spingendo molto nella valorizzazione professionale, perché è attraverso i professionisti che i modelli sanitari teorici poi si devono concretizzare”.

Questo autunno e questo inverno che ci apprestiamo ad affrontare fa meno paura?

Diciamo che dal punto di vista dell’organizzazione siamo pronti perché abbiamo imparato dallo tsunami Covid-19 che ci ha travolti all’improvviso, ci siamo saputi riorganizzare e digitalizzare, ma serve ancora attenzione. Dobbiamo continuare ad osservare le regole sociali che ci hanno salvato la vita fino ad oggi, preservandoci dal contagio. Non è ancora finita.

Uno stralcio dell’intervista al Dottor Altini rilasciata a Icarotg: 

 

 

L’intervista integrale al Dottore andrà in onda domani mattina a Tempo Reale, il nostro approfondimento mattutino quotidiano a partire dalle 9 alle 10:30.

 

Notizie correlate
di Andrea Polazzi   
VIDEO
camp. di prima categoria 2019/2020

La rosa completa dei giocatori del Morciano Calcio

di Icaro Sport   
di Simona Mulazzani