Indietro
menu
Un nuovo tursiope in vasca

Veera, viaggiatrice d'Europa, trova casa a Oltremare

In foto: Veera
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
lun 3 ago 2020 19:25 ~ ultimo agg. 19:26
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Dalla Finlandia a Riccione passando per la Grecia. E’ la storia di Veera, delfino tursiope, che è arrivata al parco Oltremare nell’ambito di un progetto europeo. Nella laguna di Ulisse ha già creato un buon rapporto con gli addestratori e compagne di vasca.

Per 2,5 metri di lunghezza e 240 kg di peso, il tursiope Veera è stato trasferito al parco Oltremare di Riccione da un’altra struttura di Atene, in Grecia, l’Attica Park.  L’inserimento di Veera nel gruppo sociale delle femmine di tursiope del Family Experience Park della Riviera, gestito da Costa Edutainment, rientra in un più ampio progetto europeo che coinvolge un team di professionisti all’interno dell’Associazione Europea degli Zoo e degli Acquari (EAZA) e dell’Associazione Europea dei Mammiferi Marini (EAAM) e autorità internazionali che si preoccupa di garantire il miglior tenore di vita a tutti gli esemplari di delfini che vivono in ambiente controllato, residenti in Europa.

Veera ha vissuto per molti anni in una struttura in Finlandia. Quando il delfinario ha cessato l’attività, è stata trovata una sistemazione alternativa in un’altra struttura in Grecia. Il team di esperti ha definito questa come una sistemazione transitoria, essendo l’unico esemplare femmina a contatto con diversi tursiopi maschi. La scelta del gruppo di lavoro europeo, avvallata dalle autorità internazionali, è ricaduta sul parco Oltremare di Riccione come destinazione finale e ottimale. Oggi Veera è inserita in un gruppo di 5 femmine della stessa specie. La delfina si è già unita al gruppo e l’integrazione procede come da programma: con Mia e Cleo, in particolare, Veera ha già stretto un ottimo rapporto. Lo staff di addestratori si prende cura di Veera costantemente per garantire non solo la piena integrazione e socializzazione ma anche il controllo dello stato di benessere dell’animale, contestualizzati nell’ambiente in cui si trova oggi.

La popolazione europea è composta da circa 271 esemplari suddivisi equamente tra maschi e femmine di cui il 70% nato in ambiente controllato.

 

Notizie correlate
di Maurizio Ceccarini