Indietro
menu
a marina centro

Tentato furto al ristorante, ladri inseguiti e bloccati dal personale

In foto: i carabinieri sul lungomare
di Lamberto Abbati   
Tempo di lettura lettura: 1 minuto
lun 31 ago 2020 14:42 ~ ultimo agg. 1 set 09:21
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Hanno tentato di rubare la bicicletta di un componente dello staff del ristorante bar Laura, a Marina Centro, al Bagno 5, ma non avevano fatto i conti con la caparbietà del personale del locale, che accortosi di quello che stava accadendo è uscito dalla cucina e si è messo all’inseguimento dei due ladri, un 17enne e un 18enne di origine marocchina, in Italia senza fissa dimora, senza documenti e con precedenti alle spalle.

Il tentato furto, trasformatosi poi in rapina impropria, è avvenuto ieri sera poco dopo le 21. I due nordafricani hanno rotto il lucchetto della porta sul retro e si sono introdotti nel magazzino dove era stata parcheggiata la bicicletta di un dipendente. I rumori provocati dai ladri, avvertiti in cucina, hanno insospettito il titolare, nonché cuoco del ristorante, e il suo staff, corsi subito fuori dal locale per controllare cosa stesse accadendo. Una volta sul retro, hanno notato due giovani che scappavano con la bici. Lo chef è stato il primo a intervenire: è corso dietro ai due riuscendo ad afferrarne uno. Quando il complice ha visto che l’amico era stato bloccato, è tornato indietro per liberarlo. Nel frattempo anche i tre dipendenti sono andati in soccorso dello chef, impegnato in un corpo a corpo con uno dei ladri.

I nordafricani, vistisi accerchiati, nel tentativo di fuggire hanno colpito con calci e pugni i dipendenti del ristorante, che però non si sono fatti intimorire e sono riusciti a trattenerli fino all’arrivo dei carabinieri della Stazione Porto. Condotti in caserma e identificati, i due giovani sono stati denunciati per rapina impropria. Qualche livido ed escoriazione per uno dei dipendenti del locale, che durante le fasi concitate è stato colpito da un pugno in pieno volto. L’uomo, comunque, ha preferito non recarsi in pronto soccorso per farsi medicare.