Indietro
menu
indagine visit rimini

Spiaggia fino a tardi, relax e cene sulla riva. I must dei turisti a Rimini

di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
ven 14 ago 2020 11:07
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Cosa cercano i turisti che arrivano a Rimini in vacanza? Ad indagare le tendenze balneari di questa strana estate ci ha pensato Visit Rimini che ha raccolto le voci di alcuni operatori balneari. Emerge come mai come quest’anno la spiaggia riminese è sinonimo di tranquillità e relax. “E i numeri da sold out della settimana di Ferragosto delle spiagge riminesi dimostrano che la serietà con cui gli operatori stanno affrontando la stagione rende loro giustizia“.

Nuove regole anche per gli sport di spiaggia: beach volley e beach tennis si giocano due contro due, lo yoga e la ginnastica dolce vengono praticati con la debita lontananza, il pilates è fatto in acqua sulla tavola da surf, i parchi acquatici in riva al mare sono distanziati. Sono nati anche nuovi giochi in cerca di un nome: con una grande palla pesante nel campo da beach tennis (quasi a ricordare il gioco della pallamano) e il gioco del pallone e del tavolino, uno contro uno.

I gazebo sono davvero ideali per riposare, mangiare in tranquillità, avere un po’ di privacy, godersi la spiaggia circondati dalla bellezza” Racconta Luca Metalli, bagnino di Miramare.

Non si sente più la necessità di strafare ma si gode della tranquillità e della libertà della spiaggia. In spiaggia ci si sente sicuri visti gli ampi spazi – chiarisce Fabrizio Pagliarani, bagnino di Marina Centro – I turisti hanno voglia di movimento dopo mesi di sedentarietà e apprezzano molto l’offerta sportiva quotidiana che proponiamo loro“.

Relax e tranquillità – gli fa eco Davide Mussoni, bagnino di Viserbella Rimini Nord -. Siamo tornati alla vacanza di vent’anni fa, nel solco della tradizione. Stiamo notando anche la tendenza a mangiare ai ristoranti della spiaggia e nei dintorni, perché molti non consumano i pasti in albergo a differenza degli anni passati, in quanto il distanziamento riduce la capienza delle sale pranzo “.

Per Mauro Vanni, presidente della cooperativa dei bagnini di Rimini Sud la novità dell’anno sono “Le cene di fronte al mare. Con la possibilità di fermarsi in spiaggia anche di sera, molti chiringuiti si sono organizzati per servire aperitivi e cene in riva al mare, con l’attenzione al distanziamento. I nostri ospiti incominciano a respirare e si rilassano davanti a un buon piatto servito in spiaggia”.

Tra i cibi preferiti in vetta, senza grandi sorprese, la piadina, seguita dal pesce, accompagnati dal verdicchio.

Possiamo dire che le nostre spiagge ora sono sold out e, oltre ai turisti italiani, sono tornati Svizzeri, Tedeschi e Francesi. E’ evidentemente passato il concetto che da noi, oltre all’ottimo rapporto qualità/prezzo, si trova anche la sicurezza, grazie ai rigidi protocolli. I turisti hanno capito che da noi trovano servizi di qualità e rispetto per le persone” conclude Vanni.

E di rispetto per le persone parla anche Stefano Mazzotti, bagnino di Marina Centro, che con la sua passerella arcobaleno ha generato un vero e proprio buzz sui social media: “Qui in Romagna non si è mai parlato di chiusura della stagione, ma di come sarebbe stata diversa, adeguata al momento e questo ci ha rilanciato verso il nuovo, un nuovo modo di accogliere e di fare vacanza. E le persone l’hanno colto. La novità è arrivata anche con i cambiamenti della città: il Belvedere di Piazzale Kennedy è diventato l’attrazione del 2020, dove le persone si ritrovano per una passeggiata, un gelato, una piadina e godere della fresca brezza marina”

Notizie correlate
di Redazione   
VIDEO
di Redazione   
di Redazione