Indietro
menu
i dubbi sul progetto

Scuola Catullo. Riccione Civica: 1,2 milioni persi per strada

In foto: il logo
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
dom 23 ago 2020 08:27 ~ ultimo agg. 17:49
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Riccione Civica torna all’attacco sul progetto della nuova scuola Catullo (vedi notizia), un intervento da oltre 4,3 milioni di euro che si basa sul ricorso al partenariato pubblico privato.

“Perderemo i fondi di 1.200.000 euro che la regione ci avrebbe concesso per co-finaziare la realizzazione della scuola. Questo denunciavamo solo 3 mesi fa, mettendo in guardia i riccionesi. Ovviamente adesso procederemo ad inoltrare le opportune verifiche tecniche per avere risposte precise circa la pratica in questione.
Poi commenteremo le risposte che a questo punto la città pretende anche velocemente”, annuncia Riccione Civica che poi avanza “una serie di domande fondamentali in attesa degli opportuni chiarimenti tecnici” le cui risposte il sindaco “deve oggi alla città”.

Tra queste, “per quale motivo la giunta Tosi ha deciso di utilizzare lo strumento del Leasing costruendo per realizzare la scuola con a questo punto la certezza di perdere i contributi del ministero? Perché Riccione visto e considerato che secondo il suo assessore al Bilancio Luigi Santi vanta numeri e parametri perfetti, non ha proceduto a realizzare l’opera utilizzando le sue capacità finanziarie così da poter fruire del contributo statale?

E ancora: “Considerato che nel 2019 il comune di Riccione ha incamerato solo 58.000 euro di contributi esterni per co-finaziare le opere pubbliche in città, non ritiene drammatica questa incapacità amministrativa tecnica, alla luce di questa ennesima perdita di risorse? Quali sarebbero state le penali per rescindere il contratto quadro con la società che oggi pare si sia aggiudicata la realizzazione della scuola?”.

Notizie correlate
di Redazione   
di Serena Saporito   
VIDEO