Indietro
menu
Modalità, costi e orari

"Riviera sicura". Da lunedì a Rimini la clinica mobile per il test sierologico

In foto: la clinica mobile
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
ven 14 ago 2020 13:11 ~ ultimo agg. 15 ago 16:10
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Dopo Misano Adriatico, Cervia, Cattolica, Riccione e Bellaria Igea Marina, fa tappa in piazzale Fellini a Rimini il progetto “Riviera sicura”, l’attività di screening mirata alla prevenzione della trasmissione del Covid-19 promossa dalla Regione e dall’Ausl Romagna. Da lunedì 17 a lunedì 24 agosto (domenica esclusa) sarà possibile rivolgersi alla clinica mobile che sarà posizionata in piazzale Fellini per sottoporsi al test sierologico rapido, esame che evidenzia se si sono avuti contatti col coronavirus. In caso di risulto positivo, gli utenti potranno effettuare direttamente il tampone per sapere se la malattia è in corso.

L’esame sierologico rapido, effettuato dal personale sanitario, avviene attraverso il prelievo di una goccia di sangue con pungidito. Il test è in grado di stabilire se un soggetto ha prodotto anticorpi (IgM e IgG) ed è quindi è entrato in contatto con il virus. Il referto sarà consegnato immediatamente e, in caso di positività, sarà subito effettuato il tampone naso faringeo. Per il test sierologico sarà richiesto all’utente un contributo di 10 euro mentre l’eventuale tampone naso-faringeo sarà a carico dell’Azienda USL.

Un servizio pensato soprattutto per turisti e bagnanti ma un’opportunità, ad esempio, anche per i dipendenti delle attività turistiche e ricettive che, per gli orari di lavoro, hanno maggiore difficoltà a recarsi nelle strutture aziendali che effettuano i test.

La clinica mobile sarà attiva lunedì 17 agosto dalle 11 alle 13; da martedì 18 a sabato 22 agosto e lunedì 24 agosto dalle ore 9 alle 13.

Il calendario completo e le modalità.

Notizie correlate
Riflessioni a caldo

Ufficialmente guarito!

di Andrea Turchini   
di Redazione