Indietro
menu
lavori da 4,3 milioni

Riccione, ok al progetto per la scuola Catullo. Partenariato pubblico/privato

In foto: la vecchia scuola di via Catullo
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
ven 21 ago 2020 14:14
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Dalla Giunta comunale di Riccione è arrivato il via libera al progetto definitivo per la realizzazione della nuova scuola primaria di viale Catullo. Si tratta di un intervento da oltre 4,3 milioni di euro che si basa sul ricorso al partenariato pubblico privato e che prevede anche il servizio di manutenzione per 20 anni. Lo strumento usato sarà quello della locazione finanziaria, previsto dal codice degli appalti, che permette all’Ente pubblico di dare corso a progetti di pubblico interesse senza anticipare risorse e al contempo alla ditta che si aggiudica l’appalto e la manutenzione di essere finanziata attraverso istituti bancari. Il Comune quindi pagherà i canoni della locazione finanziaria che saranno, di volta in volta, comprensivi della manutenzione.

E’ un grande risultato quello di dare corso ad un progetto importante come edificare un nuovo edificio scolastico, nonostante le difficoltà finanziarie degli Enti pubblici dovuti all’emergenza – ha detto l’assessore ai Lavori Pubblici, Lea Ermeti. Ma se le risorse e i finanziamenti non vengono messi in campo dai Comuni e della amministrazioni, tutta l’economia di una città si ferma. Certo avremmo potuto fermarci, non farlo, aspettare il finanziamento statale e invece abbiamo comunque trovato il modo di terminare la riqualificazione di tutte le nostre scuole. La Catullo in particolare è un progetto dall’ampio risvolto pedagogico. E’ un grande edificio di 1077 mq, con una piazza lineare e 5 padiglioni. Criteri questi che oggi come non mai risultano importantissimi per gli ambienti in cui i nostri figli devono andare a studiare. Dal momento in cui inizierà la demolizione del vecchio edificio, tempo un anno e mezzo, la scuola sarà pronta quindi per il 2022“.

Notizie correlate
di Lucia Renati   
VIDEO