Indietro
menu
Avviso pubblico

Nuova piscina, il comune cerca di capire se il progetto è ancora idoneo

In foto: il cantiere Acquarena abbandonato
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
mar 4 ago 2020 13:51 ~ ultimo agg. 17:51
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Sarà sempre nell’area di via della Fiera dove il cantiere è fermo da un paio d’anni oppure si sposterà nella zona di Rimini nord? Il destino della nuova piscina comunale (si chiamerà ancora Acquarena?) è ancora molto incerto. E il comune cerca di farsi un’idea precisa dei possibili scenari. E’ in pubblicazione nella sezione “Amministrazione trasparente” del sito comunale l’avviso pubblico di una consultazione preliminare di mercato con gli operatori economici per l’affidamento della costruzione e gestione della nuova piscina. Lo scopo, spiega una nota, è raccogliere tutti gli elementi utili per valutare se l’attuale progetto – approvato nel suo livello esecutivo dalla Giunta nel dicembre 2016 – sia oggi, sotto il profilo tecnico, strutturale ed impiantistico, idoneo a rispondere alle attuali esigenze dell’utenza e della città. L’amministrazione cita anche la contingenza legata alle misure di sicurezza anti-Covid e le nuove modalità di fruizione degli spazi pubblici. “Le informazioni, i contributi e le esperienze acquisite attraverso la consultazione preliminare permetteranno quindi – spiega la nota – di avviare in tempi rapidi la procedura più idonea di selezione dell’affidatario per la costruzione e gestione di un impianto natatorio, che rappresenta una delle priorità dell’Ente per il potenziamento dell’impiantistica sportiva della città“.
Il comune ricorda poi il contenzioso in corso con la Società Concessionaria del progetto di realizzazione e gestione di Acquarena dopo la risoluzione della convenzione del maggio 2018 a seguito del fallimento della società. Il progetto esecutivo attuale, ricorda sempre l’amministrazione, prevede la realizzazione di un polo sportivo su tre aree: una piscina composta da tre vasche, un’area per un centro fisioterapico e una per il ritrovo e ristoro. Previste anche aree comuni per l’ingresso e i servizi per l’utenza ed il personale. Tutti gli spazi principali sono coperti a campata unica, senza pilastri, per ottimizzarne l’utilizzo e la percezione visiva.

Alla consultazione preliminare l’Amministrazione sottopone la valutazione complessiva sul progetto, rispetto all’adeguatezza sotto il profilo edilizio, strutturale e impiantistico; l’adeguatezza sotto il profilo della manutenzione e della gestione.
Per far pervenire i propri contributi c’è tempo fino al 4 settembre. Un incontro di consultazione è fissato per mercoledì 16 settembre.

Ultima precisazione: la consultazione non è finalizzata all’aggiudicazione di alcun contratto e non influisce sulla partecipazione alla successiva procedura di affidamento.

Notizie correlate
di Redazione   
FOTO