Indietro
menu
soccorsi dai vigili del fuoco

La mamma esce di casa e i bimbi restano bloccati sul balcone al sole

In foto: repertorio
di Lamberto Abbati   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
lun 10 ago 2020 20:26 ~ ultimo agg. 11 ago 15:23
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

“Sono uscita un attimo a fare la spesa”. Si sarebbe giustificata così, davanti ai poliziotti, una donna di 41 anni, di origini straniere, madre di quattro bambini, due di 2 anni e altri due di 3 e 5 anni, rimasti bloccati sul balcone sotto il sole cocente all’ora di pranzo. A dare l’allarme alle Volanti sono stati i vicini di casa, che da almeno un’ora avvertivano i pianti dei bimbi. Affacciatisi, hanno visto tre dei quattro minori sul terrazzo tutti soli. Così, intorno alle 13.10, nella zona del Palacongressi di Rimini (omettiamo volutamente la via per tutelare i minori), è intervenuta una squadra dei vigili del fuoco, allertata dalla polizia, oltre ad un’ambulanza del 118.

I pompieri hanno utilizzato un’autoscala per raggiungere il balcone dell’appartamento al secondo piano di una palazzina. E’ lì che, accaldati e spaventati, erano rimasti “imprigionati” da un paio d’ore tre dei quattro minori. La tapparella, infatti, era abbassata e i bimbi non avevano via di fuga. Alcuni vicini nel frattempo avevano addirittura lanciato sul balcone una bottiglietta d’acqua, temendo potessero disidratarsi.

Dopo averli portati in salvo, i vigili del fuoco hanno scoperto che all’interno dell’appartamento c’era un quarto bambino. La porta d’ingresso però era chiusa a chiave e per entrare sono stati costretti a forzare la finestra. Il bimbo, anche lui di 2 anni, si era addormentato. E’ probabile che sia stato proprio lui ad aver chiuso i fratelli sul balcone per gioco. 

Quando la donna è arrivata sotto casa si è spaventata. Ad attenderla infatti c’erano polizia, vigili del fuoco e 118. Agli agenti ha spiegato di aver lasciato i figli in casa per poco, giusto il tempo di fare la spesa. Una versione in parte smentita dai vicini, che hanno dichiarato di aver incominciato a sentire le grida dei bambini intorno alle 11. Ora la 41enne rischia una denuncia per abbandono di minori. Per sua fortuna i quattro fratelli stanno tutti bene e non è stato necessario trasportarli in ospedale per accertamenti.