Indietro
menu
consiglio comunale a coriano

Interramento elettrodotto. Dopo l'emergenza l'iter riparte

In foto: il traliccio
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
mer 12 ago 2020 14:35
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Arriva questa sera in consiglio comunale a Coriano l’approvazione della delibera che esprime parere favorevole all’interramento di una parte dell’elettrodotto che attraversa il comune nelle zone di Colombarina e Sant’Andrea in Besanigo. Un passaggio – spiega l’amministrazione – necessario visto che le opere “risultano non conformi allo strumento urbanistico vigente, poiché non previste“.

L’interramento riguarda in totale otto comuni. Nello specifico, per Coriano,  il progetto prevede la demolizione di 7 tralicci e dei relativi cavi aerei i per un chilometro e 600 metri a fronte di un interramento di un chilometro e 400 metri di cavo e la realizzazione di un traliccio di testata, che si è riusciti ad ottenere 240 metri dall’abitato.

Siamo molto contenti di questo importante lavoro che vede nella frazione di Sant’Andrea in Besanigo un impatto positivo di notevole livello – commenta il sindaco Domenica Spinelli -. Un miglioramento ambientale e paesaggistico molto apprezzato dai residenti come già constatato nell’assemblea pubblica di novembre scorso dove avevamo presentato il progetto. Grazie all’attenta analisi ed alle trattative svolte grazie alle quali si è riusciti ad eliminare anche il traliccio di testata posizionato proprio nel centro di sant’Andrea in Besanigo, spostandolo più a valle ad una distanza di circa 240 metri dall’abitato. ”

L’iter per l’interramento, di cui si parla da anni, è stato fin’ora lungo e complesso e rallentato dall’emergenza sanitaria. Terna aveva richiesto l’autorizzazione al Ministero il 17 gennaio 2020, il 30 gennaio il procedimento si avvia e il comune sospende ogni permesso di costruire nell’ambito delle aree potenzialmente impegnate dai futuri impianti, quali misure di salvaguardia.

A fine febbraio Il MISE comunica la sospensione del procedimento di 45 giorni per l’emergenza sanitaria e richiesta di integrazioni sulla relazione archeologica. Il 6 aprile Il Ministero comunica una ulteriore sospensione di 90 giorni poiché Terna SpA è impossibilitata a produrre la documentazione richiesta. Il 13 luglio la Regione Emilia- Romagna, finita l’emergenza, ha chiesto Comuni interessati, di accertare la conformità urbanistica delle stesse ovvero la rispondenza dell’intervento alle previsioni dei propri strumenti di pianificazione urbanistica e territoriale vigenti e adottati e a comunicare gli esiti della propria attività di verifica entro i successivi 30 giorni. Da qui la necessità dell’approvazione in consiglio comunale

Per l’insieme degli 8 comuni interessati, le opere prevedono  la dismissione di 41 km di elettrodotti in aereo la demolizione di 171 sostegni a fronte dell’infissione di 6 nuovi sostegni per le transizioni aereo/cavo ed i relativi raccordi e la realizzazione di 16,7 km di nuovi elettrodotti in cavo interrato e solamente 300 m di nuovi raccordi in aereo.

Notizie correlate
di Andrea Polazzi