Indietro
menu
Perdurante incertezza

Ieg, semestre in utile nonostante il covid. Ma restano incertezze

In foto: la fiera di Rimini
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
gio 27 ago 2020 19:28 ~ ultimo agg. 19:30
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Nonostante lo stop imposto dall’emergenza Covid già a fine febbraio, il primo semestre 2020 di Ieg si chiude in utile grazie ai buoni risultati di inizio anno e alle misure adottate in tempi rapidi per contrastare la crisi. Oggi il consiglio di amministrazione ha approvato la relazione finanziaria semestrale.

I ricavi si attestano a 61,8 milioni rispetto ai 99,9 dello stesso periodo 2019. Un dato legato alle performance registrate nei primi due mesi dell’anno, che hanno generato una crescita organica pari a 2,4 milioni di euro, e al meno 40,3% dovuto purtroppo alla pandemia. Di due tipi gli effetti provocati dall’emergenza: il primo è rappresentato della cancellazione di molti eventi e dal blocco dell’attività delle società operanti nel business servizi correlati, che ha comportato una perdita di ricavi pari a 33,8 milioni di euro. Il secondo è rappresentato dallo spostamento, per effetto della riprogrammazione in altra data, di manifestazioni fieristiche e di eventi congressuali che ha determinato un calo dei ricavi di 6,5 milioni di euro (-6,5%). Gli indicatori di redditività operativa sono però tutti positivi nonostante la sostanziale cessazione dell’attività dalla fine del mese di febbraio. EBITDA1 pari a 15,6 milioni di euro in riduzione, per minori ricavi, rispetto ai 26,7 milioni del primo semestre 2019 (-41,5%). EBIT a 3,4 milioni di euro rispetto ai 17,8 dello stesso periodo 2019 (-80,8%) nonostante una svalutazione di asset non ricorrente di 2,6 milioni di euro. Risultato netto di pertinenza degli azionisti della Capogruppo a 9,8 milioni di euro, in aumento del 1,2%, anche grazie a proventi finanziari non ricorrente di 9,3 milioni di euro, rispetto ai 9,7 milioni di euro del primo semestre 2019. A limitare i danni ci hanno pensato la flessibilità della struttura dei costi operativi e le misure adottate dal Gruppo: oltre all’adesione alle opportunità previste dal “Decreto Liquidità”, la Capogruppo ha stipulato contratti di finanziamento con Intesa San Paolo e Cassa Depositi e Prestit con garanzia SACE per 50 milioni di euro. Senza dimenticare i rigidi protocolli di sicurezza e le nuove strategie sul fronte della digitalizzazione con cui IEG sta affrontando la sfida della ripartenza della propria attività, in un contesto di perdurante incertezza per il settore fieristico. “Con il rischio di nuove restrizioni allo svolgimento delle attività economiche e le sensibili limitazioni alla mobilità internazionale – si legge –, si ritiene probabile che anche le manifestazioni ad oggi confermate risentiranno in maniera sensibile degli effetti di questa crisi ancora in corso”.

La nota a commento della relazione semestrale Ieg

Notizie correlate
di Redazione   
di Redazione