Indietro
menu
Dopo inseguimento

Furto al negozio di costumi, due arresti a Riccione

In foto: la polizia davanti al negozio di viale Tasso
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
dom 2 ago 2020 13:55 ~ ultimo agg. 14:06
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

La Polizia di Stato di Rimini sabato ha tratto in arresto due stranieri responsabili di furto aggravato in concorso.
In particolare, gli agenti durante un passaggio per le vie di Riccione, in Viale Tasso, hanno notato una ragazza che inseguiva tre persone che correvano in direzione Via Mille. La stessa, accortasi della presenza della Polizia, indicava agli agenti i soggetti urlando che l’avevano appena derubata. Gli scriventi quindi, hanno subito inseguito i tre soggetti, senza perderli mai di vista, percorrendo diverse vie della città. Mentre uno faceva perdere le proprie tracce nei vicoli, gli altri due – un 21enne originario del Perù e un 21enne originario di Cuba – sono stati raggiunti dagli agenti, dopo che uno dei due si disfaceva, lasciandoli cadere per terra, di due costumi da bagno, marca Disquared, con ancora l’etichetta e l’antitaccheggio.
Recuperata la refurtiva, i poliziotti hanno raggiunto il negozio di abbigliamento dove era presente la vittima del furto, commessa del negozio che ha raccontato la dinamica dei fatti: mentre la stessa veniva distratta da due ragazzi che, con la scusa di provare dei costumi la tenevano occupata, il terzo complice è fuggito fuori dal negozio con due costumi del valore di 190 euro, facendo scattare l’allarme antitaccheggio. Gli altri due hanno abbandonato a terra la merce che stavano provando e fuggivano nella stessa direzione del primo soggetto. A questo punto la ragazza si è messa ad inseguirli in strada, chiedendo aiuto quando subito dopo incrociava la pattuglia della Polizia che inseguiti li bloccava poco dopo.
Accompagnati in questura per l’identificazione, sono stati entrambi tratti in arresto per furto aggravato in concorso, in attesa del rito direttissimo fissato per lunedì, e denunciati per clandestinità, uno dei due è stato sanzionato amministrativamente per detenzione per uso personale di sostanza stupefacente poiché, nella perquisizione, veniva trovato in possesso di marijuana.

Notizie correlate
di Redazione