Indietro
menu
progetto che fa discutere

Eolico. Croatti (M5S): coinvolgere ENEA nella valutazione del progetto

In foto: il Senatore Croatti
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
ven 7 ago 2020 16:50
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Il senatore riminese del Movimento 5 Stelle Marco Croatti avanza l’ipotesi di coinvolgere l’Agenzia nazionale per le nuove tecnologie (ENEA) nella valutazione del discusso progetto per l’impianto eolico offshore davanti alla costa riminese. Una richiesta che il senatore ha già avanzato direttamente al presidente dell’Agenzia.

La nota di Marco Croatti

Martedì scorso in Commissione industria, commercio, turismo si è tenuta l’audizione del professor Federico Testa, nell’ambito dell’esame della proposta di nomina del Presidente dell’ENEA, l’Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo sostenibile.
È stata l’occasione per chiedere al Presidente Testa se ENEA può avere un ruolo nella valutazione del nuovo impianto eolico offshore al largo di Rimini. Tema oggetto di dibattito e di confronto, anche aspro, nella nostra provincia.
La risposta che mi ha dato è stata molto interessante per il territorio, perché prefigura l’opportunità di avere l’analisi di un ente pubblico terzo con competenze molto elevate nel campo delle nuove tecnologie e della sostenibilità.
Il Presidente Testa, premettendo che ENEA non ha poteri di intervento autonomi, ha suggerito agli Enti Locali di richiedere all’Agenzia un parere su questi progetti. Un’occasione importante che potrebbe fornire un approfondimento estremamente qualificato sull’impianto eolico riminese e aggiungere ulteriori elementi di valutazione. Il parere non sarà in alcun modo vincolante.
Il mio auspicio è che Regione, Provincia e Amministrazioni locali contattino ENEA e si attivino per cogliere questa opportunità.
Al territorio e ai cittadini non servono divisioni su posizioni ideologiche o barricate strumentali e politicamente pretestuose. Serve un‘analisi seria, che si basi su dati e approfondimenti competenti. Solo con queste premesse ci si potrà confrontare in modo adeguato e compiere le giuste scelte.
Da settimane la cittadinanza, la politica e le stesse associazioni ambientaliste si sono divise su questo impianto eolico offshore.
Per quel che mi riguarda, a differenza di alcuni esponenti politici smaniosi di visibilità sui giornali ma poi inesistenti quando si parla di azioni e atti concreti, ho presentato un’osservazione alla Capitaneria di Porto di Rimini in cui elenco quelle che ritengo criticità e pericoli per il nostro territorio. Guardo naturalmente con favore alle energie rinnovabili e all’energia eolica, ma se parliamo di transazione sostenibile allora che sia sostenibile davvero”.

Notizie correlate
di Icaro Sport   
FOTO
di Redazione