Indietro
giovedì 26 novembre 2020
menu
Pallavolo Femminile

Presentato il progetto Rimini Volley: Athena Volley e Riviera Volley insieme

di Roberto Bonfantini   
Tempo di lettura lettura: 3 minuti
gio 2 lug 2020 11:34 ~ ultimo agg. 22:56
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 3 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Presentato questa mattina, da Spazi (in piazza Cavour), il progetto Rimini Volley. Al tavolo dei relatori Cristiano Vitali, direttore generale, e Edoardo Nanni, direttore tecnico.

Cristiano Vitali: “Andiamo a presentare un progetto che riguarda la pallavolo riminese. Tutto nasce nel periodo del lockdown, nel quale lo sport è entrato in difficoltà. Due società: l’Athena e il Riviera, con storie e anni diversi, hanno voluto approfondire possibilità di collaborazione, che si sono trasformate in quelli che abbiamo chiamato i dodici comandamenti, che vanno a toccare in generale dal punto di vista sportivo. Non è una novità a livello italiano che diverse società si costituiscano in pool. Lo spunto nasce dall’Imoco Volley. Certo non siamo così presuntuosi da pensare di poter arrivare a quei livelli, ma ottimisti per pensare di gestire una collaborazione che può portare a buoni livelli la pallavolo riminese.

Nel riminese ci sono sette società e purtroppo finora non è mai nata un’unione di intenti. La nostra collaborazione punta a valorizzare le giocatrici riminesi per avere la possibilità per il futuro di avere un ambito di squadre totalmente biancorosse. Il nostro discorso di pool è aperto, nel senso che adesso ci sono due società, ma il progetto potrà riunirne altre.

Gli spazi condivisi e la condivisione dei materiali sono uno dei punti importanti del progetto. Ci sarà poi libero scambio delle giocatrici da una squadra all’altra. Fondamentale è il concetto di squadra d’annata. Ora la pallavolo è il primo sport di squadra a livello femminile non solo a livello territoriale, ma anche nazionale. Ma non si riescono a costruire squadre di annata.

Abbiamo voluto anteporre il nome Rimini, come si vede anche dal logo, soprattutto per una dinamica regionale, che un giorno speriamo diventi nazionale”.

Edoardo Nanni: “Il progetto è nato il 1 maggio. Insieme a Stefano Bertaccini stiamo facendo un lavoro che si divide in due parti: l’attività di base, con l’aumento dei corsi di minivolley, anche in zone come la palestra Rodari. L’obiettivo è raddoppiare le attuali 160 bambine dell’Athena Volley e ritornare nelle scuole a livello importante. A livello di settore giovanile stiamo componendo le squadre a carte scoperte: con i nomi delle ragazze stiamo cercando di costruire organici per campionati in ambito territoriale senza guardare ognuno il suo orticello. Stiamo lavorando già come fossimo un’entità unica.

C’è poi l’ambito agonistico: abbiamo deciso di ripartire dal basso: la nostra C del Riviera avrà una media di età di 19,2 anni. Abbiamo una squadra formata da dieci under 19 più quattro giocatrici esperte. L’obiettivo è di fare un buon campionato di serie C e  con l’Under 19 territoriale essere tra i protagonisti del campionato. Avremo una serie C di Athena più esperta, che viene da un campionato di serie D dominato. Ha un’età media più alta, ma ho visto da parte delle giocatrici più esperte una voglia di integrarsi con le giovani molto forte. Ci stiamo già allenando a Cesenatico. Faremo anche una serie D con un’età ancora più bassa: stiamo parlando di un’Under 17, che farà un campionato regionale. Facendo uno sforzo per investire sulle nostre giovani.

Questo progetto nasce per valorizzare tutto il territorio da Riccione e Bellaria: negli anni vorremmo che i talenti non migrassero più fuori Rimini. Speriamo di tornare già dall’anno prossimo in B2, con una squadra costruita con le ragazze del territorio. Basta far spesa fuori. Gli allenatori sono tutti e tre del territorio riminese: la conferma di Chiara Gambuti per la C dell’Athena, Yuri Lazzarini per la C del Riviera mentre Lino Zavatti guiderà la serie D Under 17″.

Avete contattato anche altre società? Qual è stata la risposta? “Alcune società preferiscono fare un discorso di quartiere, alcune (almeno una-due) hanno dimostrato interesse e potrebbero entrare a breve” risponde Vitali, che poi dà i numeri di Athena: “nel settore minivolley abbiamo 168 bambine, le under 12 sono 32, le under 13 13, le under 16 14, le ragazze di Seconda Divisione Under 18 sono 18 e quelle della serie D 15 per un totale di quasi 300 giocatrici”.

Edoardo Nanni aggiunge: “Noi abbiamo circa una sessantina di ragazze. Quindi partiamo da una base di 360”.

Cristiano Vitali: “L’obiettivo è uno: fare bene con le ragazze del territorio. Non vogliamo fare spesa da fuori, ma l’idea è che in futuro siano gli altri a volere fare spesa da noi. Vogliamo valorizzare le ragazze del territorio. Entrambe le squadre giocheranno alla Casa del Volley. Il fatto di avere la stessa categoria ci favorirà perché si potrà vedere una partita tutti i sabati”.

Infine le ultime dal comitato regionale: “Ieri sera è arrivato il comunicato della Regione – conclude Vitali, che presenta novità soprattutto sui gruppi: le indicazioni parlano di un campionato più corto, di cominciare molto più tardi (a metà novembre) e di avere minori spostamenti per quanto concerne le trasferte. La volontà è diminuire il numero a undici unità per ogni girone. Questo permetterà un turno di riposo e il fatto di avere un raggio minore negli spostamenti”.

La presentazione è stata trasmessa in diretta sulla pagina Facebook Icaro Sport.

Notizie correlate
Pallavolo Serie A Femminile

Ecco il girone della OMAG Consolini

di Icaro Sport   
di Icaro Sport