Indietro
menu
Interrogazione in Regione

Maltempo. Appello Lega: stato di calamità per la Valmarecchia

In foto: Matteo Montevecchi
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
lun 13 lug 2020 11:46
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Richiedere alla presidenza del Consiglio dei ministri, e ai ministeri competenti, lo stato di calamità per i territori romagnoli della Valmarecchia e della Valle del Savio colpiti a inizio luglio da un’ondata eccezionale di maltempo”. La sollecitazione arriva al governo regionale arriva in una interrogazione firmata dai consiglieri della Lega Matteo Montevecchi e Massimiliano Pompignoli.

Lo scorso 3 luglio, spiegano i due, “diverse zone della Valmarecchia e della Valle del Savio, in particolar modo Sant’Agata Feltria nel riminese e Sarsina e Mercato Saraceno nel cesenate, sono state interessate da maltempo con vento forte e tempeste di grandine di portata eccezionale”. Questa imprevista e violenta ondata di maltempo, proseguono, “ha causato notevoli danni al patrimonio pubblico e alle attività private (con particolare impatto sulle attività agricole)”.

In un anno caratterizzato dalla crisi dovuta al Covid-19, rimarcano Montevecchi e Pompignoli, “il nostro territorio non può permettersi di perdere altre aziende e tanto meno in un comparto fondamentale come quello agricolo”. Per questo i due leghisti chiedono all’esecutivo regionale di “istituire un fondo regionale finalizzato a risarcire i danni dovuti alla grandine”.