Indietro
menu
"questione di coerenza"

Maggioranza Riccione: vista proroga stato emergenza cancellare Settimana Rosa

In foto: Notte Rosa 2015 (ph © Officinap photografica)
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
mer 29 lug 2020 13:06
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Non si placa il dibattito sulla Settimana Rosa. A Riccione oggi intervengono i gruppi di Maggioranza Noi Riccione e Lista Civica Renata Tosi per chiedere che sia cancellata, vista la proroga ad ottobre dello Stato di emergenza. I Capigruppo Fabrizio Pullè e Sara Maiolino sostengono sia un atto coerente con le scelte compiute con il Governo.

“Le regole devono valere per tutti. Le regole devono valere sempre. Questi, sono due principi irrinunciabili di uno Stato di diritto. Se il Governo ha imposto lo stato di emergenza fino al 15 ottobre, l’emergenza c’è per tutti gli eventi e per tutte le situazioni. Sempre. Perché allora, Ci chiediamo, per “La Notte Rosa” tanto cara al PD, lo stato di emergenza non vale? Perché il PD costringe tutti i nostri negozianti, i nostri ristoratori, i nostri albergatori, i nostri artigiani, ogni singolo giorno, a rispettare tutte quelle regole imposte in maniera talvolta “fantasiosa” e comunque con prescrizioni  “quasi umilianti” per il rispetto del distanziamento sociale, mentre sugli eventi, che porteranno ad assembramenti di persone inimmaginabili ed ingestibili, non si pensa ad un responsabile rinvio? La Coerenza è sacrosanta: se c’è emergenza fino al 15 ottobre, allora si cancelli La Notte Rosa. Solo la coerenza può dare serieta’ al nostro agire”

Altre notizie
di Redazione
Tra troppe presunte certezze

Andrà tutto boh!

di Gianluca Angelini
Notizie correlate
di Redazione   
di Redazione