Indietro
menu
Intervista al Prefetto

Il saluto del Prefetto Camporota: un bilancio dei due anni riminesi

In foto: Il prefetto Camporota negli studi di Icaro
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
gio 16 lug 2020 15:16 ~ ultimo agg. 17 lug 10:21
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Dopo due anni, il prefetto di Rimini Alessandra Camporota si prepara a lasciare l’incarico a Giuseppe Forlenza. Questa mattina, venuta in visita nella nostra redazione, ha tracciato un bilancio della sua permanenza riminese e in particolare di questi mesi di emergenza.

Nei suoi ultimi giorni a Rimini il Prefetto Alessandra Camporota ha voluto portare il suo saluto anche alla nostra redazione. Arrivata in città nel 2018, si è trovata in questi mesi a dover gestire un’emergenza non preventivabile e sarà ricordata per il suo impegno nel cercare di creare coesione tra gli amministratori nel pieno della pandemia. Tra i tanti giorni difficili, uno in particolare è rimasto scolpito nella sua memoria. “Quello in cui, dopo la decisione presa dalla Regione su Medicina, anche nel riminese abbiamo deciso di adottare misure particolarmente stringenti” ricorda

A prendere il suo posto a Rimini sarà Giuseppe Forlenza, attualmente il Vice Prefetto Vicario di Salerno. Sarà lui a tagliare il nastro della nuova sede provvisoria della Questura in piazzale Bornaccini. Un traguardo, quello di dare una sede consona alla polizia, che ha visto proprio Alessandra Camporota tra i protagonisti. “Sono soddisfatta di aver potuto contribuire a dare una sede provvisoria ma almeno dignitosa alla Questura. Senza l’emergenza – spiega – sarebbe già pronta.

Infine un pensiero al territorio: “Mi resta la bellezza dei luoghi e spero di poterci tornare in altre vesti. Il sogno di Fellini è un po’ una sintesi di tutte le capacità che questo territorio ha.

 

Notizie correlate
di Redazione