Indietro
menu
Riprendono le attività

Help for caregiver. Alle Acli uno sportello per badanti e famiglie

In foto: la sede Acli
di Maurizio Ceccarini   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
gio 9 lug 2020 15:31 ~ ultimo agg. 13 lug 11:50
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Le ACLI di Rimini, nell’ambito del finanziamento 5×1000 Irpef 2017, sta gestendo il progetto “Help for caregiver” rivolto alle badanti e alle famiglie che cercano queste figure per assistere a domicilio i propri anziani oppure persone malate o portatrici di handicap. Obiettivo del progetto è la realizzazione di uno sportello che sia luogo di riferimento per le famiglie che hanno bisogno di un assistente e per le persone che si propongono per questo ruolo. Lo sportello mette in contatto le due parti cercando di rispondere alle necessità di entrambi. Si tratta quindi di focalizzare con precisione le condizioni fisiche e psichiche della persona da assistere e contemporaneamente di chiarire le competenze e le richieste della badante.

Il progetto, oltre alla creazione di uno sportello, prevede l’organizzazione di corsi di formazione per le badanti, tra cui un corso di lingua italiana per le lavoratrici straniere.

A causa della pandemia e delle conseguenti misure di lockdown, lo sportello attivato alle Acli di Rimini è stato chiuso per alcuni mesi, ma ora ha ripreso la propria attività. Le famiglie che cercano un assistente famigliare e le persone che si propongono per questo ruolo possono telefonare in segreteria e fissare un appuntamento con gli operatori volontari che gestiscono lo sportello. Lo sportello delle Acli è attivato in un’ottica di puro servizio e senza alcuno scopo di lucro. Info: 0541 784193.

L’età media della popolazione italiana aumenta, ma non tutti gli anziani sono in grado di cavarsela da soli nella gestione della vita quotidiana, anche se preferiscono continuare ad abitare nella propria casa senza trasferirsi dai figli o in una residenza sanitaria. Nasce da questa realtà la figura del caregiver, il/la assistente famigliare che assiste l’anziano non autosufficiente, aiutandolo a lavarsi, vestirsi, mangiare e compiere tutte le azioni necessarie per una vita dignitosa e sicura.

Sempre più spesso il ruolo di assistente famigliare (o più semplicemente “badante”) è ricoperto da persone straniere, in maggior parte donne provenienti dai paesi dell’Est Europa o da nazioni extraeuropee.