Indietro
menu
soccorso dalla polizia

Dalla Grecia fino a Rimini nascosto nel fondale di un tir: minorenne rischia la vita

In foto: repertorio
di Lamberto Abbati   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
sab 4 lug 2020 15:38 ~ ultimo agg. 18:04
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Ha viaggiato per 48 ore rannicchiato nel vano tra la ruota e il pianale di un Tir, senza cibo e, probabilmente, con un’unica bottiglietta d’acqua. Non si è mosso da lì per due lunghi e interminabili giorni, fino a quando nella notte tra venerdì e sabato il custode del Caar di Rimini non la ha visto vagare nel piazzale, stremato e impaurito. Immediato l’allarme alla polizia di Stato di Rimini, che sta ricostruendo la vicenda, e al personale sanitario che lo ha soccorso.

E’ un minore afghano il migrante che gli agenti delle Volanti hanno affidato ai servizi sociali. Il ragazzino, forse 15enne, ha raccontato in un inglese un po’ stentato e con l’aiuto del traduttore di Google, di essere partito due giorni fa dalla Grecia. Insieme ad altri due coetanei si era nascosto nel fondale di un Tir. Durante un controllo alla frontiera, prima che il camion si imbarcasse su una nave diretta in Italia, i cani della polizia greca avevano fiutato la presenza dei compagni, ma non la sua. Che così è rimasto rannicchiato in quello spazio minuscolo per due giorni.

La polizia ha avviato un indagine per risalire al camion sul quale il minore ha viaggiato e all’identità del conducente, che non si esclude possa essere a stato a conoscenza della presenza del ragazzino. Per questo gli agenti stanno visionando i filmati del circuito di videosorveglianza del Centro Agro Alimentare riminese. L’Italia non sarebbe stata la meta finale del suo viaggio.

Il minorenne, disidratato e con evidenti ecchimosi provocate dagli scossoni durante il viaggio su strada, è stato rifocillato, affidato alle cure del personale del 118 e poi consegnato ai servizi sociali.

Notizie correlate
di Redazione