Indietro
menu
i consigli della Postale

Un solo squillo da un numero estero? Meglio non richiamare

In foto: repertorio
di Andrea Polazzi   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
dom 28 giu 2020 15:32 ~ ultimo agg. 15:32
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Nelle ultime settimane si registra una intensificazione della truffa chiamata “ping calls”. Lo mette in evidenza la Polizia Postale che sta ricevendo in tutta Italia numerose segnalazioni. Di cosa si tratta? Presto detto. L’utente riceve una telefonata da numeri con prefisso estero, per lo più provenienti dalla Gran Bretagna e dalla Tunisia. Un solo squillo che solitamente incuriosisce chi lo riceve e lo induce a richiamare. È questo lo scopo dei criminali che riescono così a svuotare il conto telefonico del malcapitato ricaricando le carte di credito attivate per l’occasione. Il ‘costo’ della semplice telefonata, naturalmente senza risposta da parte di alcuno, può arrivare da 5 a 30 euro. La Postale suggerisce quindi di non richiamare il numero sconosciuto, di non inviare messaggi e non aprire link inviati con SMS o “sistemi di messaggistica” collegati ai predetti numeri. In ultima istanza bloccare il numero chiamante sconosciuto avente prefisso estero.