Indietro
menu
mancano controlli su mezzi

Stop al distanziamento su bus e treni. Federconsumatori perplessa

di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
ven 26 giu 2020 18:36 ~ ultimo agg. 18:37
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

L’ultima ordinanza firmata dal presidente della Regione ripristina la piena capienza per i mezzi pubblici, bus e treni. Fermo restando l’obbligo di indossare la mascherina. Il provvedimento, già in vigore, non convince però Federconsumatori. “Eliminare qualsiasi norma sul distanziamento su mezzi raffrescati con aria condizionata – scrive l’associazione – contando esclusivamente sulle mascherine e sul lavaggio delle mani e quanto meno azzardato, a maggior ragione alla luce dei dati di contagio che nella giornata di ieri hanno coinvolto anche la nostra regione. Ricordiamo che per per i voli aerei, dove le distanze di sicurezza sono assai critiche, ai
passeggeri viene misurata la temperatura , cosa non prevista per treni e bus“.
Federconsumatori spiega di comprendere come la piena occupazione dei mezzi di trasporto rappresenti condizione essenziale per il mantenimento e la sostenibilità del servizio “che deve essere però essere supportata da adeguati strumenti di controllo aggiuntivi, che prescindano dal grado di civiltà, spesso molto alto, degli utenti trasportati“.
Rileviamo però – continua l’associazione – che questo
via libera della Regione non corrisponde un adeguamento dei controlli sui mezzi, il cui rispetto diventa ancora più importante. Chiediamo perciò di rivedere il provvedimento e di convocare con urgenza le rappresentanze degli utenti e dei lavoratori per individuare soluzioni possibili che non mettano a rischio la salute dei cittadini“.

Notizie correlate
di Redazione