Indietro
menu
Settore in difficoltà

Si torna a ballare ma il futuro dei locali resta in bilico. Le interviste

In foto: repertorio
di Andrea Polazzi   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
mar 23 giu 2020 13:14 ~ ultimo agg. 16:04
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Il fine settimana appena passato ha segnato il ritorno al ballo anche se solo all’aperto, nel rispetto delle misure di distanziamento, con la mascherina in caso di eccessiva vicinanza e solo tra congiunti per quanto riguarda i balli di coppia.

Un via libera arrivato in Emilia Romagna ma non su tutto il territorio nazionale: in Regione hanno risposto “presente” già da subito circa il 25% dei locali, una percentuale che sale al 30-35 sulla riviera riminese. Questa la stima del Silb Confcommercio. Un primo passo che ancora però non permetterà, secondo il presidente Gianni Indino, di limitare i danni della stagione.

Bene la possibilità di poter riaprire” commenta Franco Recchia del Living disco di Misano Adriatico. Per gli imprenditori si tratta di un modo per tornare a riaprire i rubinetti della liquidità chiusi di colpo a fine febbraio. Per migliaia di lavoratori, spesso esclusi dalle forme di sostegno al reddito, è l’occasione per guadagnare qualche soldo. L’estate però sarà una sorta di banco di prova: “se non arriveranno nuovi allentamenti sulle norme da parte del Governo, evidenzia Recchia, e aiuti più consistenti per il settore il rischio è che per molti locali questa sia l’ultima estate. Con tutte le conseguenze sull’offerta turistica e sull’indotto della Riviera.