Indietro
menu
Primo ingresso riminese

Santini (Strada Vini e Sapori) nel Consorzio Vini di Romagna

In foto: Vini di Romagna
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
gio 4 giu 2020 10:57 ~ ultimo agg. 11:10
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Per la prima volta il territorio di Rimini entra nel Consorzio Vini di Romagna con il Presidente della Strada dei Vini e dei Sapori dei Colli di Rimini Sandro Santini. Il CDA del Consorzio è presieduto dalla presidente Ruenza Santandrea, nei Vice Presidenti Scipione Giuliano del Podere del Nespoli e Mauro Sirri della cantina Celli di Bertinoro, i Consiglieri sono 14.

Il Consorzio è nato nel 1962 per indirizzare, regolamentare e qualificare la produzione del vino in Romagna. Riunisce produttori di uva, cantine e aziende vinicole e opera per tutelare la qualità dei vini, per garantire la gestione dell’offerta e per promuovere il prodotto e il territorio, ha sede a Faenza.

“E’ una grande soddisfazione per me oltre che un impegno che assumo per il territorio riminese “ dichiara il Neo Consigliere Sandro Santini “Rimini deve vivere il Consorzio Vini di Romagna e partecipare in maniera maggiore rispetto al passato alla sua vita ed alle sue iniziative. Sarà mia cura coordinare gli sforzi dei produttori riminesi con il Consorzio perché Rimini è a tutti gli effetti parte della Romagna senza se e senza ma, soprattutto ha le carte in regola per spiccare un balzo qualitativo verso l’alto che farà bene a tutto il movimento romagnolo”.

Per la Strada dei Vini e dei Sapori: “Il percorso intrapreso con il nuovo disciplinare della Rimini DOC è ad un punto cruciale, percorso utile per dare i giusti riferimenti al mondo vinicolo riminese da qui la necessità di essere più presenti e più coordinati all’interno dei consessi vinicoli sovra territoriali. Questa nomina è figlia di una azione rinnovata ed una consapevolezza matura presente nell’ambiente vinicolo riminese  che mira ad essere meno autoreferente e più dialettico con un mondo del vino in grande evoluzione ed espansione”.

Notizie correlate
di Redazione