Indietro
giovedì 3 dicembre 2020
menu
Il futuro del Rimini FC

Rimini Calcio: Paesani: "Ho già raggiunto il primo obiettivo". E Grassi conferma Pastore DS

di Roberto Bonfantini   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
mar 16 giu 2020 16:21 ~ ultimo agg. 17 giu 14:25
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Sono stati tanti gli spunti offerti in oltre due ore e trenta di trasmissione (in diretta lunedì sera su Icaro TV (canale 91) e sulla pagina Facebook Icaro Sport), dalla serata-evento “Rimini per il Rimini, sarà la volta buona?”

Lucio Paesani si è detto felice di aver raggiunto il primo obiettivo. “Oggi dobbiamo guardare la realtà con realismo e il realismo a mio avviso non può prescindere da Giorgio Grassi. Io mi sono dato un obiettivo, che come primo anno deve essere simbolico perché il mio progetto è di 3-4 anni: vuol dire che alcuni risvolti di questo progetto li vedremo strada facendo. Per partire mi sono dato un obiettivo di base di 100mila euro, per il massimo non c’è un limite ma sarebbe un sogno raggiungere 250-300mila euro. Oggi posso dire che l’obiettivo di minima lo abbiamo raggiunto”.

Ivano Pastore ha espresso le sue perplessità sulla tempistica del ricorso per far partecipare il Rimini ai play out: “Sono convinto che il ricorso sia stato fatto sicuramente per un blocco dei play out, ma anche per una eventuale riammissione come secondo appello, anche perché se guardiamo la tempistica per bloccare i play out non credo ci siano tutti questi tempi. Considerando che il ricorso è stato presentato oggi (lunedì, ndr), e che quindi da domani sarà preso in considerazione: ci sono sette giorni, anche se noi abbiamo chiesto un provvedimento di urgenza, per dichiararne la l’ammissibilità, la controparte ha poi altri sette giorni per opporsi. Se facciamo un po’ di conti la prima partita di play out sarebbe bella che andata”.

Giorgio Grassi: “Inventatevi qualcosa che ricordi tutti a tutti i giorni che noi vogliamo giustizia e rispetto, per chi in questa città è morto in maniera iniqua. E non deve passare giorno senza ricordare, passeremo attraverso le sentenze, saranno sfavorevoli, non importa… che noi in C ci siamo e ci rimarremo perché noi apparteniamo alla serie C fino al 31 agosto e vogliamo continuare a fare quello che stiamo facendo.
Da oggi io non userò più io, ma noi. Io ci sarò finché ci sarà da combattere. Si parte sicuramente da Pastore. Credo sia disponibile anche eventualmente ci fosse questa… (riferimento alla retrocessione, ndr) di cui non voglio nemmeno parlare”.

Lanciata nel corso della diretta l’iniziativa “Giustizia e rispetto per Rimini e per il Rimini”, con l’invito a tutti i tifosi biancorossi di inserire come immagine di copertina del proprio profilo Facebook questa immagine:

La serata integrale:

Notizie correlate
di Icaro Sport