Indietro
menu
Progetti pronti per l'appalto

Riccione alla Regione: abbiamo progetti pronti, attendiamo risorse promesse

In foto: Renata Tosi
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
ven 5 giu 2020 14:49
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

A Riccione ci sono quattro progetti già pronti a partire non appena arriveranno le risorse annunciate il 14 maggio scorso nell’ambito del Piano straordinario di investimenti sostenuto dalla Regione. Si tratta di progetti in fase esecutiva scelti in quattro in differenti settori. Per quanto riguarda la mobilità lenta ed alternativa nel settore turistico, il progetto approvato è quello del prolungamento della passeggiata Goethe con un costo di 2milioni e 200 mila euro. Poi c’è il progetto della palestra di via Ionio della scuola secondaria di primo grado, già inserito nel piano Triennale dei lavori pubblici 2020-2022 per un totale di 990.000 euro. Nell’ambito cultura, già approvato in linea tecnica il progetto per Nuovo Teatro Tondelli per 800 mila euro. Infine in ambito ambientale c’è la riqualificazione del parco del Marano per il drenaggio delle acque di falda a salvaguardia della balneazione (circa 800 mila euro).

Riccione è pronta ora aspettiamo i massicci investimenti promessi dalla Regione – ha detto il sindaco Renata Tosi. Abbiamo progetti approvati in linea tecnica e in fase esecutiva, quindi pronti per essere appaltati, in settori strategici ed adeguati all’economia di una città turistica. Confido che il presidente Bonaccini prosegua sulla linea lanciata durante l’incontro di maggio a Rimini, e cioè di mettere a disposizione dei Comuni i massicci investimenti pubblici annunciati a partire dalle aree più colpite dal coronavirus. Il distretto Sud è sicuramente quello che ha sofferto maggiormente, confido che la Regione sappia riconoscerlo. Come confido che il piano di investimenti abbia davvero un carattere “straordinario” come annunciato dalla Regione e non si limiti ad una manciata di spiccioli per manutenzioni che di straordinario non hanno nulla“.