Indietro
menu
Rinnovabili sono nel mandato

Parco eolico. ER Coraggiosa: si a discussione di merito e informata

In foto: dal logo
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
mar 30 giu 2020 23:24 ~ ultimo agg. 23:24
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Igor Taruffi e Federico Amico, consiglieri regionali di Emilia Romagna Coraggiosa auspicano una discussione nel merito del progetto del parco eolico offshore al largo di Rimini, progetto al quale ER Coraggiosa guarda con grande attenzione. Ci sono impegni ambientali di mandato da rispettare, ricordano, ed è necessario un confronto con tutti gli interlocutori locali, comprese le associazioni ambientaliste.


La transizione ecologica dell’economia non è una possibilità, ma una necessità. Che la realtà ci ricorda ormai tutti i giorni.
L’attuale sistema produttivo non è più sostenibile per l’ambiente e per le persone.
Per questo servono progetti e investimenti per passare dal modello di produzione fondato sulle fonti di energia fossili a quello fondato sulle energie pulite e rinnovabili, grazie anche alle importanti risorse in arrivo dall’Unione Europea, che vuole orientare anche il Recovery fund alla transizione ecologica e digitale.

Ogni livello di governo deve sentirsi impegnato a portare il proprio contributo in questa direzione.
Per questo nel programma elettorale di Emilia-Romagna Coraggiosa • Ecologista e progressista abbiamo insistito su un Patto per il Clima che puntasse a realizzare l’azzeramento delle emissioni climalteranti entro il 2050 ed il passaggio al 100% delle energie rinnovabili entro il 2035.
Due obiettivi irrinunciabili e condivisi da tutto il resto della maggioranza che oggi guida la Regione, anche nel Programma di Mandato del Presidente Bonaccini.

Guardiamo quindi con estrema attenzione a tutti gli interventi che vanno nella direzione di produrre energia da fonti rinnovabili, come ad esempio il progetto di parco eolico in Adriatico al largo delle nostre coste.
Nello specifico, alla discussione a mezzo stampa, preferiremmo una discussione nel merito con tutti gli elementi per valutare gli impatti dai diversi punti di vista, e crediamo che la posizione della Regione non possa che essere determinata da un confronto interno alla maggioranza che sostiene il Presidente Bonaccini con tutti gli Assessorati interessati: Ambiente, Attività produttive e Turismo oltre ovviamente alla vicepresidente con delega alla Transizione ecologica.

Una discussione di merito e informata che non può non passare anche dal confronto con tutti gli interlocutori locali, ivi comprese le associazioni ambientaliste. I progetti di conversione e transizione energetica hanno ottenuto successo soprattutto laddove sono stati il punto di arrivo di percorsi partecipati in grado di mettere a confronto sensibilità e interessi divergenti, trovando insieme il giusto equilibrio, anche modificando le idee iniziali, affinché si potesse costruire una progettualità condivisa dal territorio. Un modello che ben si potrebbe esplorare in una Regione come la nostra, che ha una solida tradizione di dialogo tra tutte le parti sociali

Notizie correlate
di Redazione   
FOTO
di Sabrina Campanella