Indietro
menu
Conducente tradito dall'alcol

Motorino rubato 32 anni fa. I Carabinieri risolvono un "cold case"

In foto: il motorino ricettato
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
ven 26 giu 2020 15:35 ~ ultimo agg. 21:47
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

I Carabinieri della Compagnia di Novafeltria hanno denunciato un cittadino albanese classe 77, residente a Verucchio, per “ricettazione e guida in stato di ebrezza alcolica”.
Una sera di fine maggio è arrivata una chiamata alla Centrale Operativa dei Carabinieri feltreschi per segnalare un incidente stradale avvenuto a Villa Verucchio.
Una pattuglia dell’Aliquota Radiomobile è intervenuta sul posto dove il conducente di un ciclomotore Piaggio “Ciao” dopo aver perso il controllo del mezzo era caduto rovinosamente a terra. Il soggetto è stato trasportato in Ospedale (trauma cranico con prognosi di 20 giorni) e da subito gli operanti accorgendosi che qualcosa non andava hanno richiesto di effettuare degli esami per verificare lo stato di ebrezza del soggetto. Sul luogo dell’evento i militari hanno accertato che il ciclomotore era privo di targa e documenti di proprietà.

Le successive verifiche hanno permesso di appurare che quel ciclomotore era stato rubato a Bologna nel 1988, purtroppo però il legittimo proprietario era deceduto da qualche anno.
Al termine delle indagini il 42enne è stato denunciato all’A.G. di Rimini in quanto è stato sorpreso alla guida del ciclomotore risultato rubato a Bologna nel 1988 in stato di ebrezza alcolica (a seguito degli accertamenti sanitari è risultato che era alla guida con un tasso alcolico pari a 1,13 g/l). E’ stato inoltre sanzionato amministrativamente perché nella guida non utilizzava il casco.
I Carabinieri dell’Aliquota Radiomobile di Novafeltria, hanno sono svolto degli accertamenti al fine di restituire il ciclomotore rubato all’avente diritto, in quanto il legittimo proprietario era nel frattempo deceduto. Dopo aver reperito alcune informazioni, finalmente è stato trovato e contattato il fratello del proprietario del ciclomotore al quale, con somma sorpresa, dopo 32anni, è stato restituito il motorino.