Indietro
menu
26enne in manette

I cittadini e i carabinieri incastrano il pusher: in casa 20mila euro in contanti

In foto: i carabinieri con il tesoretto del pusher
di Lamberto Abbati   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
ven 26 giu 2020 01:20 ~ ultimo agg. 15:42
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Alcuni cittadini hanno dato l’imbeccata giusta e i carabinieri l’hanno sfruttata al meglio. Un gioco di squadra che è servito ad incastrare un 26enne albanese, già noto alle forze dell’ordine per i suoi precedenti, che addosso aveva 7 dosi di cocaina e in casa 20mila euro in contanti, ritenuta il provento della fiorente attività di spaccio.

I militari nel Nucleo operativo di Rimini sono entrati in azione mercoledì sera dopo alcune preziose segnalazioni di cittadini che non hanno chiuso gli occhi davanti a quello strano viavai, a tutte le ore del giorno e della notte, nella zona di Rivazzurra. Il pusher arrivava in moto, incontrava gli acquirenti in una angolo appartato di una via e lì avveniva lo scambio droga-soldi. Movimenti rapidissimi che però non sono passati inosservati.

Un mirato servizio di osservazione, quello organizzato dai carabinieri, ha dato i frutti sperati. Infatti l’albanese è arrivato nel solito luogo in sella ad una moto da enduro e si è fermato in attesa dell’acquirente. Solo che all’improvviso sono spuntati i militari che l’hanno circondato e perquisito. Addosso aveva 7 dosi di cocaina per un peso complessivo di 5 grammi e un ingente quantitativo di denaro, difficile da giustificare per un giovane senza lavoro. Da Rivazzurra i carabinieri si sono spostati a Coriano, nella sua abitazione, dove il pusher nascondeva tutto l’occorrente per confezionare le dosi di droga ma soprattutto quasi 20 mila euro in contanti. Soldi e droga sono stati sequestrati, mentre l’albanese è finito in manette.

Al termine dell’udienza di convalida, svoltasi giovedì mattina, l’arresto è stato convalidato e il 26enne è stato condannato ad un anno e 10 mesi di reclusione, con pena sospesa. Per lui anche una multa di 2.600 euro.