Indietro
menu
Cantieri in alto mare

Zoccarato (Lega) sui cantieri del lungomare: cronoprogramma non rispettato

In foto: Matteo Zoccarato
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
gio 28 mag 2020 14:39
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Il consigliere della Lega Matteo Zoccarato chiede all’amministrazione date certe sull’avanzamento lavori sul lungomare. “Non stiamo negando – spiega – le difficoltà con le quali l’Amministrazione si è dovuta confrontare a causa del Covid, ma è stato lo stesso Comune che a fine di marzo ha annunciato la ripresa di molti cantieri strategici (in particolare quelli sul lungomare) e il prosieguo di altri, nel rispetto delle prescrizioni dettate dall’emergenza. Dunque c’è qualcosa che non va. O l’Amministrazione ci ha ‘venduto’ promesse infondate, oppure il cronoprogramma preventivato ancor prima della pandemia era del tutto sfalsato e irrealizzabile. Errori di calcolo che abbiamo già sperimentato in relazione al problema dei parcheggi e alla soluzione raffazzonata individuata dal Comune all’ultimo momento“. Il consigliere della Lega si sofferma in particolare sul parcheggio previsto sulla rotonda Fellini definendoli “una colata di cemento” che testimonia il “modo di fare assolutamente improvvisato e senza metodo”. “Cantiere, questo, peraltro – prosegue – non ancora partito. Va da sé che se tale parcheggio sarà pronto per metà agosto, sarà completamente inutile; mi chiedo dunque a questo punto se non sia opportuno valutare attentamente l’opportunità di quest’opera, ragionando ad una politica di sosta più lungimirante e di larga scala. Di certo c’è che il Comune deve pubblicare fin da subito un cronoprogramma relativo a questi cantieri preciso ed accurato, al fine di permettere di capire all’utenza come comportarsi e agli imprenditori di salvare il salvabile.

Altre notizie
Tra troppe presunte certezze

Andrà tutto boh!

di Gianluca Angelini
Notizie correlate
di Simona Mulazzani   
VIDEO
di Andrea Polazzi