Indietro
menu
Come si muove il comune

Spiagge libere. Bertozzi (Pd) al comune: quali tempistiche per attrezzarle?

In foto: Simone Bertozzi
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
mar 26 mag 2020 13:36
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

In un dibattito che si concentra in questi giorni sulle spiagge in concessione e sui contenuti dell’ordinanza balneare, il consigliere del Pd Simone Bertozzi interroga la giunta sulle spiagge libere, la cui gestione è demandata proprio ai comuni. Il consigliere chiede quali saranno le tempistiche per attrezzare le aree con le adeguate segnaletiche e quali sistemi di monitoraggio e prenotazione verranno messi in campo per tutelare la sicurezza dei bagnanti.

L’interrogazione integrale

La nuova stagione turistica, inaugurata solo ufficialmente (ma non nella pratica) sabato scorso con l’apertura anticipata dei primi stabilimenti balneari, rischia di essere – senza timore di confronto – la più complicata della sua lunga storia, da quando nel 1843 i Conti Baldini dettero vita al primo stabilimento. Se nel 1989, annus horribilis delle mucillagini, l’industria turistica si era dovuta aggrappare al mondo della notte, anticipando un cambiamento già in atto nei costumi degli italiani, oggi questa nuova crisi globale sembra colpire il nostro turismo in tutta la sua filiera.

Ma la crisi delle nostre imprese, incluse quelle balneari, non può certo trasformarsi in un pretesto per mettere in discussione un diritto inalienabile come quello di usufruire di spiagge libere, patrimonio pubblico da tutelare e valorizzare in un’ottica, semmai, di ampliamento e non di diminuzione. Considerando che nella nostra provincia risultano già largamente inferiori a quella che dovrebbe essere per legge la quota ragionale (20%).

Sono diverse le Regioni italiane che, in questi ultimi giorni, hanno dibattuto sull’opportunità di dare in concessione ai privati alcune porzioni dell’arenile o, in altri casi, arrivando a proporre il pagamento simbolico di un pedaggio. Possibilità che, per fortuna, sembra che sia stata scartata dalla nostra Regione.

Di sicuro quest’estate i Comuni, a cui è demandato il compito di gestire queste porzioni di arenile, avranno il compito mai così arduo di renderle fruibili e sicure, evitando assembramenti e garantendo una costante sanificazione.

Visto quindi che anche il dibattito pubblico, e il conseguente spazio sui media, risulta sempre più sbilanciato sulla gestione delle spiagge in concessione, chiedo all’amministrazione di non abbassare l’attenzione su un tema a mio avviso fondamentale. Chiedo altresì, visti i ritardi delle ordinanze balneari, quali siano a oggi le tempistiche per attrezzare, anche a livello di segnaletica, le spiagge libere. E quali saranno gli strumenti di monitoraggio e prenotazione messi in campo dall’amministrazione per la tutela della sicurezza dei bagnanti.

Il nostro territorio vive turismo, vero, ma è necessario dare tutte le risposte anche ai tanti riminesi abituati ad usufruire della spiaggia libera.