Indietro
menu
ora si guarda al futuro

Scuola Maria Bambina a rischio chiusura. Dopo l'appello raccolti 12mila euro

di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
lun 11 mag 2020 14:16 ~ ultimo agg. 19:34
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tre settimane aveva lanciato un accorato appello per evitare la chiusura della scuola di Maria Bambina e il cuore dei riminesi si è rivelato grande. Suor Maria Regina, superiora della scuola racconta come nel giro di pochi giorni siano arrivati 12mila euro che permetteranno di andare a coprire le spese: “Circa tre settimane fa abbiamo lanciato l’allarme –  spiega – difficile, senza le rette, poter chiudere il bilancio e riaprire a settembre con le nuove disposizioni. La nostra storia, i valori che abbiamo insegnato a migliaia di riminesi, il nostro metodo educativo e tutto quello che nel tempo abbiamo portato avanti, sarebbe stato spazzato via da un evento del tutto imprevedibile che ci ha oppresso per oltre due mesi a livello umano, psicologico e sociale. L’idea di chiedere aiuto alle ‘persone’ è stata vincente, perché sono loro, attraverso l’aiuto reciproco, a conferire un senso alla ‘nuova normalità’ che ci attende”.
I 12 mila euro arrivati serviranno per
  • Pagamento degli stipendi del personale per la quota non coperta da Cassa Integrazione;
  • Gestione dei costi fissi di struttura;
  • Organizzazione della riapertura, attraverso acquisto di mascherine, gel igienizzanti, mobili per ripensare e adattare gli spazi alle nuove norme pensate ed emanate dalle Autorità contro la diffusione del Covid.
Sono molto contenta – continua la Superiora – perché, insieme, abbiamo raccontato una ‘ storia di felicità’. Donare, salvare la scuola e soprattutto ricambiare l’affetto che le Suore di Maria Bambina hanno avuto per la comunità riminese nel tempo, è la dimostrazione più grande di gratitudine per il nostro lavoro di educatrici. Grazie quindi ai genitori dei nostri piccoli, ai benefattori e anche all’inaspettato contributo di tantissimi ex studenti, che ormai adulti, non solo ci hanno telefonato, donato e sostenuto ma hanno inviato tantissime vecchie foto con i loro ricordi al Maria Bambina. Abbiamo capito da questa brutta esperienza  che solo proteggendoci reciprocamente possiamo guardare al futuro.
Suor Maria Regina
Notizie correlate
di Maurizio Ceccarini