Indietro
menu
nuovi provvedimenit

Ridotte tariffe e quote mensa per 725 alunni di Santarcangelo

In foto: il Municipio di Santarcangelo
di Simona Mulazzani   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
ven 8 mag 2020 18:37
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Ammonta a 47.416 euro l’importo delle riduzioni alla tariffa del trasporto scolastico, del pre e post-scuola oltre che alla quota di iscrizione alla ristorazione stabilite dalla Giunta comunale di Santarcangelo per il periodo di sospensione delle attività educative disposto dalle normative anti Covid-19. L’intervento, che coinvolgerà 725 alunni e studenti che potranno beneficiare degli abbattimenti delle rette nei mesi da marzo a giugno, si aggiunge all’abbattimento delle rette di nidi d’infanzia e spazio bimbi già deliberato dalla Giunta comunale nelle scorse settimane.

Nel frattempo, proseguono i servizi a distanza organizzati dall’ufficio scuola per sostenere famiglie e bambini nel difficile periodo di sospensione delle attività scolastiche ed educative disposto dalle misure per il contrasto alla diffusione del Coronavirus. Nelle scorse settimane sono state contattate anche 90 famiglie con figli disabili con l’intento era fornire informazioni sui servizi utili da attivare in questo periodo di difficoltà (dalla consegna della spesa a domicilio alla consulenza psicologica online), verificare e raccogliere eventuali disagi, problemi o necessità e mantenere un canale di contatto con i nuclei familiari più fragili e maggiormente esposti all’emarginazione.

Inoltre, da questa settimana il gruppo di mutuo aiuto di genitori con figli con disturbi specifici dell’apprendimento ha ripreso a riunirsi in maniera virtuale.

Il provvedimento approvato dalla Giunta comunale completa il sistema di riduzioni e abbattimento delle rette dei servizi scolastici sospesi a causa dell’emergenza Covid-19. Dall’altra parte, siamo consapevoli che la sospensione delle attività scolastiche ha creato non pochi disagi alle famiglie, soprattutto a quelle con bambini disabili o affetti da disturbi del comportamento e ai nuclei economicamente svantaggiati” afferma l’assessora ai servizi Educativi e scolastici Angela Garattoni.

Notizie correlate
di Redazione   
VIDEO
di Redazione