Indietro
sabato 19 settembre 2020
menu
Le previsioni di Roberto nanni

Fine settimana con meteo variabile e temperature miti

In foto: repertorio
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
ven 15 mag 2020 09:51 ~ ultimo agg. 19:17
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Il fine settimana prosegue con un tempo sulla falsariga dei giorni scorsi, dove una circolazione depressionaria centrata tra la penisola Iberica ed il Marocco governa dei fronti meteorologici sul Nord Italia, e viceversa richiama un intenso promontorio Nord Africano sulle nostre regioni meridionali. Lo spiega Roberto Nanni Tecnico Meteorologo Certificato e divulgatore scientifico di AMPRO Associazione Meteo Professionisti 

A questa circolazione ciclonica, fanno capo come un nastro avvolgitore, correnti polari scandinave, che tramite un percorso virtuoso aggirando il bacino del Mediterraneo, pescano correnti sud-occidentali molto calde ed umide dalle zone desertiche sahariane della Libia e dall’Algeria. Da questo quadro sinottico, si comprende come la nostra Penisola sia il teatro di condizioni climatiche molto miti, con punte di 37-38 gradi all’estremo sud, ma anche di evidenti fenomeni significativi, con temporali e nubifragi al Nord.

In questo contesto la nostra Regione si trova a fare i conti con una disposizione morfologica non favorevole alle precipitazioni, se non l’Appennino settentrionale, le zone più occidentali adiacenti alle pianure lombarde e quelle più settentrionali lungo l’asse del PO. Il resto delle pianure, comprese quelle centro-settentrionali, vedono l’aggravarsi di un deficit pluviometrico al netto di un quadrimestre Gennaio-Aprile come il meno piovoso fino ad ora mai registrato, e nel complesso una forbice di temperature superiore, anche se di poco, alla climatologia di riferimento.

Nella giornata di Venerdì si attendono cieli da poco a molto nuvolosi, specie al mattino sulle zone occidentali, dove non si escludono delle precipitazioni a carattere debole, localmente temporalesco lungo i rilievi, e qualche sporadico piovasco sulle aree pianeggianti orientali. Generale miglioramento nel pomeriggio. Sabato i cieli potranno apparire lattiginosi, quindi da parzialmente a molto nuvolosi, per nubi medio-alte stratificate che là dove risulteranno più consistenti, potrebbero essere accompagnate da piovaschi sparsi, di debole intensità e sporchi di sabbia. Nel pomeriggio un ulteriore intensificazione della nuvolosità sul settore occidentale, potrà essere associata a piogge e rovesci, localmente anche a carattere temporalesco, più probabili tra la sera e la notte in prossimità dell’asta del Po. Domenica i cieli si prevedono parzialmente nuvolosi, per il transito di una nuvolosità medio-alta e con qualche schiarita in più attesa nel pomeriggio. A questa nuvolosità, qualora fosse localmente più compatta, potrà essere associata a brevi piovaschi, ma sempre di debole intensità.

Temperature minime stazionarie comprese tra 15 e 18 gradi sulle pianure, attorno ai 12/14 gradi sui rilievi; massime comprese tra i 21 e 24 gradi, con punte nelle giornate di venerdì e domenica sino a 26/29 gradi in particolare sul settore orientale. I Venti provenienti inizialmente da sud-ovest, soffieranno moderati in pianura con temporanei rinforzi sulle aree occidentali, da moderati a forti sulla fascia pedecollinare e forti sui rilievi; tenderanno a divenire deboli, e da direzione variabile al mattino, disposti dai quadranti orientali nel pomeriggio, con qualche raffica sul settore costiero e in prossimità delle aree interessate dai fenomeni temporaleschi. Il mare risulterà mosso, ma con moto ondoso in progressiva diminuzione sino ad apparire a fine periodo da poco mosso a quasi calmo.

Nella prossima settimana, in questo senso qualcosa sembra cambiare, visto la tendenza dell’approfondirsi del minimo atlantico menzionato, verso le Baleari e la Sardegna, portando sull’Emilia-Romagna, seppur in un contesto di variabilità, episodi di precipitazioni anche a carattere temporalesco; con un intensificazione delle stesse tra martedì e mercoledì, pur rimanendo con quantitativi complessivi che si prospettano in linea con la stagione, e un calo delle temperature attorno alle medie del periodo.

Altre notizie
Notizie correlate
di Redazione   
di Redazione