Indietro
menu
La delibera della Giunta

Esercizi e distanziamento. Sui viali delle Regine ampliamenti negli stalli

In foto: un rendering
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
ven 8 mag 2020 12:17 ~ ultimo agg. 9 mag 11:29
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Con la necessità di aumentare il distanziamento, per i pubblici esercizi si stimano perdite di quasi metà dei coperti attuali. Per andare incontro a questa esigenza, la Giunta di Rimini ha approvato nell’ambito del progetto Rimini Open Space una delibera che permette agli esercizi sui viali delle Regine un ampliamento negli stalli parcheggio adiacenti ai marciapiedi. Gli ampliamenti, che andranno delimitati da fioriere, saranno gratuiti e possibili fino a un 50% della superficie dei locali (tra interna ed esterna). Sui viali saranno adottate delle “zone 30” per aumentare la sicurezza stradale, i parcheggi che si perderanno saranno recuperati con altre soluzioni in aree limitrofe. Sarà inoltre mantenuta la doppia corsia per il trasporto pubblico locale e saranno mantenuti i parcheggi nei tratti dove non sono presenti bar e ristoranti.

Si è partiti dai viali per la necessità di dare una risposta per la stagione turistica e perché la loro omogeneità rende meglio gestibile la situazione. Per accorciare i tempi dell’iter, gli operatori potranno presentare autocertificazioni. Per l’occupazione del suolo pubblico aggiuntivo (la cosiddetta Cosap 2) come già annunciato, non sarà chiesto alcun canone e sarà concessa gratuitamente.

Un modello progettuale fornirà indicazioni sulle tipologie, misure, materiali e colori di fioriere. In casi particolari potranno essere autorizzate anche soluzioni con colori e materiali diversi da quelli previsti, coordinati con lo stile dell’attività, purché garantiscano stabilità e decoro. Per Viale Vespucci, nel tratto da Via Beccadelli a Piazzale Marvelli, l’occupazione sugli stalli potrà avvenire utilizzando le fioriere già esistenti, pulite e riverniciate con colori indicati nel modello progettuale. L’obiettivo è permettere ampliamenti a tutti gli esercizi della città. I viali non sono soggetti ai vincoli della Soprintendenza come invece avviene, ad esempio per il centro storico. Dicono gli assessori Sadegholvaad e Frisoni: “L’interesse da parte degli operatori è alto, abbiamo riorganizzato gli uffici per consentire di far fronte alle già tantissime domande: i nuovi servizi passano inevitabilmente da una nuova gestione e fruizione degli spazi”.  

L’assessore Sadegholvaad risponde anche alle perplessità che ha suscitato la circolare recentemente recapitata a comuni e Prefetture dalla Soprintendenza (vedi notizia): “siamo certi che ci sarà collaborazione, a partire dalle tempistiche” visto che l’iter per un’autorizzazione può arrivare a 120 giorni.

L’assessore Sadegholvaad chiarisce sulla Soprintendenza:

 

Notizie correlate
di Redazione   
di Redazione   
di Redazione