Indietro
menu
non serve nuova prenotazione

240mila prestazioni da recuperare. Ausl ricontatta pazienti

In foto: la sede Ausl
di Simona Mulazzani   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
ven 15 mag 2020 13:53
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

L’Azienda Usl della Romagna sta iniziando a recuperare le prestazioni di specialistica ambulatoriale a suo tempo prenotate dai cittadini ma poi sospese per l’emergenza Covid. Si tratta di 240mila prestazioni circa, tra visite specialistiche ed esami diagnostici. I cittadini non dovranno nuovamente prenotare perchè sarà l’Azienda a ricontattarli dai prossimi giorni per proporre un nuovo appuntamento.

Anche i pazienti che dovevano sottoporsi ad intervento chirurgico sono stati chiamati dall’Ausl, così così come lo saranno le persone che devono recuperare le prestazioni legate agli screening oncologici.

Sono 240mila prestazioni, tantissime – spiega il dottor Pierdomenico Lonzi, Direttore della “Gestione Giuridico Economonica Convenzionati Esterni” per l’Ausl Romagna – le recupereremo gradualmente mettendo in campo un grande sforzo organizzativo, con i professionisti dei nostri ospedali, i colleghi della specialistica, il privato accreditato”.

Per quanto riguarda invece prestazioni da prenotarsi di qui in futuro l’Ausl raccomanda ai cittadini di pazientare e non prenotare ora controlli o comunque prestazioni che possono essere procrastinate: il riferimento rispetto al da farsi resta il medico di famiglia, figura fondamentale anche in questa fase. In particolare, per quanto riguarda le analisi di laboratorio, va precisato che resta sospeso l’accesso diretto ai punti prelievo: sempre quando ne sussista l’esigenza, i prelievi sono da prenotare.