Indietro
menu
Rischio calcolato

Conte: non possiamo fare di più. Dal 4 maggio 4,5 milioni di persone al lavoro

In foto: il premier Giuseppe Conte
di Andrea Polazzi   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
mar 28 apr 2020 19:14
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Qualche passettino in avanti, per qualcuno non è sufficiente ma non possiamo fare di più“. Lo ha detto il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, oggi in visita nel lodigiano e poi nel piacentino, commentando le critiche al nuovo Dpcm.

Il premier ricorda che “stiamo già affrontando un rischio calcolato: dal quattro maggio 4,5 milioni di lavoratori torneranno a lavorare, prenderanno i mezzi pubblici ma anche il mezzo privato può essere un rischio“. “Le scuole – aggiunge – devono rimanere chiuse e non possiamo allentare sulle relazioni sociali: per qualcuno non è sufficiente ma non possiamo fare di più“.

Non possiamo permetterci di aver una situazione fuori controllo” dice ancora ricordando che le conseguenze di un nuovo lockdown sarebbe un danno gravissimo col “senso di una beffa dopo tutti i sacrifici fatti“.

Notizie correlate
di Maurizio Ceccarini