Indietro
menu
Racconto dalla prima linea

Infermiere 118 al tempo del virus. Galli: frustrante vedere gente che se ne frega

In foto: foto tratta dal post facebook di Bruno Galli
di Andrea Polazzi   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
gio 19 mar 2020 11:45 ~ ultimo agg. 17:53
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Vicesindaco a Bellaria e segretario provinciale della Lega, Bruno Galli in queste settimane è impegnato in prima linea non in politica ma nel suo lavoro di ogni giorno: l’infermiere del 118. “Noi stiamo facendo dei sacrifici e vedere ancora gente in giro che se ne frega fa veramente incazzare” dice alla trasmissione Tempo Reale (Icaro)

Il post pubblicato qualche giorno fa da Bruno Galli

“In questo post parlo esclusivamente ed ORGOGLIOSAMENTE come infermiere ed inizio con il complimentarmi con tutti i colleghi e personale sanitario in genere, per la professionalità, equilibrio e tenuta nervosa che stanno dimostrando,nonostante stress e stanchezza! Oltre vestirci fino a diventare irriconoscibili, dobbiamo garantire anche le “normali” emergenze, ed è un notevole sforzo, sforzo che dev’essere valorizzato al massimo dalla cittadinanza, con comportamenti RESPONSABILI. Nessuno è immune da #coronavirus, DOVETE stare a CASA, a tutela vostra e delle fasce più deboli!!… Occorre fermare TUTTO, tutto ciò che non è di primaria necessità, sennò saranno tutti provvedimenti incompleti che saranno forieri di confusione e nervosismo tra diverse categorie di lavoratori!!
Noi non possiamo stare a casa e ovviamente ed orgogliosamente, continueremo senza sosta a lavorare, voi aiutateci a farlo nelle migliori condizioni possibili! #STATEACASA

Ci vuole coraggio, coraggio anche a fermare tutto e fermarsi tutti, ma solo così ripartiremo più forti di prima!!