Indietro
menu
Un aiuto anche dal Cral

Da Romagna Acque un contributo per le terapie intensive

In foto: il presidente Tonino Bernabè
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
lun 23 mar 2020 16:51 ~ ultimo agg. 16:54
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Il consiglio di amministrazione di Romagna Acque – Società delle Fonti spa, dopo aver informato anche i soci, ha deciso nella riunione odierna di devolvere centomila euro alle terapie intensive della Romagna per acquistare macchinari, attrezzature, materiali e quant’altro verrà valutato utile per superare questa durissima fase di emergenza.

La donazione verrà fatta all’Ausl romagnola, con l’accordo di dividere la cifra e destinarla alle strutture sanitarie di tutte e tre le province romagnole. Nei giorni scorsi anche il cral aziendale “Amico Acquedotto” ha deciso di devolvere una somma del proprio fondo, che pur se piccola possa aiutare le squadre di emergenza impiegate a svolgere al meglio le proprie attività sul nostro territorio.

Il Cral ha dunque devoluto cinquemila euro alla Regione Emilia-Romagna che ha messo a disposizione il conto corrente della Protezione Civile regionale per donazioni a favore dell’emergenza sanitaria Covid-19, grazie al progetto “Insieme si può”.