Indietro
menu
quelli pizzicati fuori casa

Ancora troppi "furbetti", la polizia denuncia 24 persone

di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
lun 16 mar 2020 12:48 ~ ultimo agg. 17 mar 10:45
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Ad alcuni il concetto dello stare a casa e uscire solo per motivi di necessità non è ancora chiaro. Nonostante nel weekend la città fosse semideserta, sono state 24 le persone denunciate dalla polizia di Stato per non aver rispettato le cosiddette norme anticontagio. E il campionario delle scuse è stato, come spesso accade, vasto.

Prendete tre amici di 48, 56 e 57 anni che ieri, una volta fermati dalle Volanti, hanno cercato di evitare la denuncia sostenendo che stessero andando a fare la spesa. Peccato che andare in tre non sia consentito, tantomeno lontano dalla propria zona di residenza. C’è chi ha fatto finta di essere all’oscuro dei divieti (due albanesi di 31 e 33 anni), chi girovagava di sera per la città in cerca di una pizzeria da asporto (un 50enne riminese) e chi ha ammesso candidamente di essere stato prima la centro commerciale e poi a casa di amici (una coppia di fidanzati, 31 anni lui, 26 lei).

C’è anche chi, con la scusa di cercare un tabaccaio in viale Tiberio, ha finito col tradirsi accendendo una sigaretta proprio davanti ai poliziotti. Maldestro protagonista un riminese di 25 anni. Nell’elenco dei trasgressori figurano anche un 66enne albanese che, fermato in sella ad una bici, ha dichiarato di essersela andata a riprendere nell’albergo dove aveva lavorato mesi fa, un egiziano di 28 anni che da Milano era arrivato a Rimini “per vedere se anche da voi è tutto chiuso”, due moldavi e un rumeno, tutti 20enni, che si era riunito in macchina per mangiare un hamburger e fare quattro chiacchiere, una coppia (26 anni lui, 22 lei) sorpresa in viale Regina Margherita mentre cercava un tabaccaio aperto per comprare delle carte.

Denunciati anche un misanese venuto a Rimini per incontrarsi con un’amica che alloggia in un hotel in zona mare; un riminese 21enne e un senegalese 23enne, che dopo aver pranzato insieme stavano rientrando a casa; un 50enne di San Giovanni in Marignano che vagava a piedi nei pressi di Santa Maria in Cerreto, scaricato lì da un’amica dopo un brusco litigio; due cattolichini di 20 e 20 anni coinvolti in piena notte in un incidente a Rimini e quindi fuori dalla loro provincia di residenza; due amici (un 31enne brasiliano lui, un 23enne veronese lei) che hanno finto di essere stati in pronto soccorso perché uno dei due aveva avuto un attacco di appendicite. Situazione subito riscontrata dagli agenti e risultata totalmente inventata.
 
Notizie correlate
di Andrea Polazzi   
VIDEO