Indietro
lunedì 6 aprile 2020
menu
Calcio a 5 A2 Femminile

Trasferta insidiosa per la Virtus che incontra il Sabina

di Icaro Sport   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
sab 22 feb 2020 20:42
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

La Virtus, a differenza delle altre squadre del girone B di Serie A2, non riposa questa domenica per via del turno di Coppa Italia, ma scende in campo sul difficile campo del Sabina Lazio come anticipo della 18a giornata. Una partita che si prospetta particolarmente dura per le ragazze di Imbriani, pensando anche a come andò all’andata: le romane, al Flaminio, condussero fino a pochi secondi dalla fine del match per 2-1 per poi subire il gol del pari di Dulbecco in extremis.

La squadra romagnola in questo girone di ritorno non ha ancora conosciuto la parola sconfitta e punta a continuare su questa strada. Raggiunto il primo importante obiettivo stagionale rappresentato dalla salvezza, acquisita aritmeticamente dopo la vittoria dell’ultimo turno per 4-0 sul Futsal Prandone, la Virtus vuole a tutti i costi terminare la stagione regolare nelle prime posizioni della classifica, per poi andarsi a giocare un playoff che avrebbe dell’incredibile visto e considerato che parliamo pur sempre di una neopromossa. «Sono molto felice per la salvezza ottenuta aritmeticamente, che comunque era il nostro obiettivo stagionale. Quando in estate mi sono accordata con la società e si discuteva su quali obiettivi raggiungere insieme alla presidente Ricci, si parlava di salvezza e averla raggiunto così presto è straordinario. Però, l’appetito vien mangiando e sarebbe sciocco a questo punto non puntare su altri obiettivi. Ora noi vogliamo arrivare ai playoff» ha commentato la coach Alessandra Imbriani.

Il Sabina, invece, viene da ben altro percorso a questa sfida. Nelle ultime due giornate di campionato sono arrivate per la squadra laziale due sconfitte e l’ingresso alla zona playoff è lontano attualmente 6 punti. Proprio per questo la Virtus dovrà prestare ulteriore attenzione: il Sabina ha bisogno di tornare alla vittoria e il campo di casa delle laziali è particolarmente piccolo per dimensioni, rendendo dunque ulteriormente complicata la sfida che andranno ad affrontare le romagnole. «All’andata era stata una partita estremamente impegnativa. Loro sono una squadra che si basa su un buon mix fra giocatrici più esperte e giovani, tutte piene di grinta e ben messe in campo dal loro mister. Sappiamo che domani sarà difficile, il loro campo è molto piccolo e in settimana le abbiamo studiate per attuare alcune contromisure: vogliamo arrivare pronte tatticamente a questo impegno così importante. Ma oltre alla tattica, anche domani saranno fondamentali la personalità e la determinazione che fin qui ci hanno accompagnato».

Per la Virtus ottime notizia dal punto di vista numerico, visto che dopo un inizio anno complesso in questo senso tra squalificate e infortuni, la rosa che domani avrà a disposizione la coach virtussina è praticamente al completo. «Rientra il capitano Martina Mencaccini e affrontare una trasferta così insidiosa con il gruppo a pieno regime è un’ottima notizia» ha chiosato concludendo Imbriani.

Michelangelo Bachetti
Addetto stampa Femminile Virtus Romagna

Notizie correlate
Un paese giovane

Ritorno dal Senegal

di Andrea Turchini   
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna